Noi, umani

Noi, umani: piacevole reportage di Frank Westerman

Pianeta, isole e terreferme. Sulle tracce dei nostri antenati.

Noi, umani

Il resto umano più antico dei Paesi Bassi fu trovato da un escursionista tra i detriti sputati sulla costa dalla pompa di una draga nel 2009. Era un frammento di cranio con una protrusione sopra le orbite oculari assente nell’uomo moderno. Apparteneva al cacciatore Krijn, uomo di Neanderthal che vagava nella steppa dei mammut nel delta dei fiumi Tamigi, Reno e Mosa, tra i centomila e i quarantamila anni fa.

Come sappiamo, la superficie terrestre, variabile rispetto a ciclici e specifici abbassamento e innalzamento del livello dei mari, è disseminata di fossili. Sulle isole, pertanto, troviamo un’evoluzione biologica che rompe ogni presunto normale lineare ordine.

Se ne erano accorti separatamente sia Alfred Russell Wallace che Charles Darwin per le specie vegetali e animali che andavano valutando e comparando meno di due secoli fa. Successivamente si è visto valere parzialmente anche per le specie e le forme del genere Homo.

La storia di Flo

Nel 2003 sull’isola indonesiana di Flores (a est della linea di Wallace, australe e non più asiatica) fu trovato lo scheletro del nano Flo. Era una donna perfettamente formata che da viva doveva essere alta un metro e quattro centimetri. Aveva altre “anomalie” anatomiche rispetto a noi sapiens (pur essendo vissuta nelle ultime decine di migliaia di anni, in compresenza terrena con noi): il volume cerebrale di uno scimpanzé, arti da posizione eretta, piedi piatti adatti a percorrere lunghe distanze, che fecero individuare allora la specie Homo floresiensis. Su quell’isola la fauna abbondava di formati “anomali”, specie animali di proporzioni enormi (ratti e cicogne) oppure minuscole (elefanti), gigantismo e nanismo insulare. Vale proprio la pena approfondire e intersecare l’argomento con viaggi e ricerche di varie discipline. Partiamo insieme.

Un ottimo reportage di Frank Westerman

Noi, umani
Frank Westerman, Noi, umani

Il bravo scrittore ex giornalista inviato speciale Frank Westerman (Emmen, Olanda, 1964) nell’ottobre 2016 insegnò Reportage all’Università di Leida come guest writer.

Iniziò le lezioni. Spiegò subito ai propri studenti che scrivere un reportage è il frutto della capacità di stupirsi e propose loro di prendere parte al progetto di far nascere un libro investigando sui fossili, tramite letture, raccolta di dati empirici, visite, interviste e, soprattutto, il confronto collettivo sulle domande giuste e sui continui dubbi di esperti e autodidatti.

Appese una carta geografica dell’Indonesia, segnalò che probabilmente potevano contarsi 17.508 isole, di cui più o meno un migliaio abitate, perlopiù oggi da islamici ma non solo (Bali induista, Ambon protestante, Flores cattolica).

Come guida preliminare scelse l’archeologo missionario Theodor Verhoeven (1907-1990) e, insieme agli studenti (in parte diffidenti o riottosi), provò a lavorare come in una squadra investigativa, seguendo piste da fare invidia a uno scrittore di gialli.

La struttura di Noi, umani

Il reportage non è un mollusco, ma un genere che appartiene alle forme vertebrate del racconto, che trae forza da una spina dorsale di fatti. E da una quindicina d’anni Westerman ne è maestro. Pure in questo avvincente volume riesce a narrare scientificamente aspetti cruciali dell’evoluzione umana dalle origini, al confine fra romanzo e saggio, con riferimenti bibliografici finali ma senza indici di nomi o argomenti, partendo sempre da un aneddoto o da una curiosità (spesso riferiti ovviamente al proprio paese) o da spunti di storia della scienza (compresi rivalità e rancori), evitando di voler mettere troppi punti fermi e lasciandosi continuamente disturbare da ulteriori interrogativi.

Il libro

Frank Westerman
Noi, umani
Traduzione di Elisabetta Svaluto Moreolo
Iperborea, 2022

Valerio Calzolaio

Valerio Calzolaio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Oscuri resti

Oscuri resti: imperdibile noir William McIlvanney e Ian Rankin

Leggi il noir Oscuri resti e lasciati conquistare da un dei noir più intensi e belli degli ultimi anni da leggere proprio ora.

Lo sparo

Lo sparo: Anne Holt segue una nuova indagine di Selma Falck

Leggi il noir Lo sparo e segui le indagini di Selma Falck magistralmente raccontate dalla scrittrice norvegese Anne Holt.