Detective donna

5 detective donna della letteratura gialla che devi conoscere

In passato ci siamo volentieri intrattenuti con le signore del giallo. Abbiamo a più riprese scritto di romanzi dove brivido e mistero, suspense e terrore si contendevano, in un duello senza battute d’arresto, non solo la pagina, ma anche la nostra capricciosa attenzione. Un’attenzione facile da smarrire non appena il racconto, tra un colpo di scena e l’altro, rischia improvvisamente di infiacchirsi o perdere nervo.

Un rischio che quasi mai si corre quando al centro della trama, pronta a dipanare sagacemente l’intricata matassa, c’è un’abile investigatrice.

Avrete, dunque, già capito che il nostro tema di oggi sono i romanzi gialli che hanno proprio come protagoniste sempre e solo donne detective. In scarpe da ginnastica o su vertiginosi tacchi a spillo, il loro formidabile intuito femminile le porterà (con puntualità e in un brevissimo lasso di tempo) sulle tracce del colpevole. Nel buio della trama brillano così, fin dalla primissima pagina, le manette.

Le migliori detective donna che puoi trovare nei gialli

A questo punto non ci resta che lasciarvi in compagnia delle investigatrici più in gamba della storia del romanzo giallo e augurare a tutti quanti una buona lettura .

Carolina Invernizio, Nina la poliziotta dilettante

L’assassinio del conte Carlo Sveglia in una notte di settembre porta in prigione Nina, la sua giovane e povera amante. Una volta scarcerata per mancanza di prove, la ragazza, sotto mentite spoglie, si metterà caparbiamente sulle tracce dell’omicida, facendosi assumere come cameriera proprio dalla zia del morto, la contessa Sveglia.

Agatha Christie, Miss Marple e i tredici problemi

Un personaggio indimenticabile nato dalla penna della regina del brivido nel 1930. L’anziana e argutissima investigatrice appare in dodici romanzi e in ben venti racconti, a partire proprio da quelli raccolti sotto il titolo inequivocabile di Miss Marple e i tredici problemi che ne segnarono l’esordio novant’anni fa. Tra gli altri titoli di spicco segnaliamo, per gli appassionati del genere, La morte nel villaggio e Il terrore viene per posta. Tutti dei veri e propri must.

Patricia Wentworth, Maschera grigia

Nel buio della notte, Charles Moray, appena rientrato in Inghilterra dopo anni di assenza, ascolta il piano per assassinare una ragazza. Tra i macchinatori dell’omicidio c’è anche Margaret, la donna che un tempo aveva immensamente amato e per cui aveva lasciato il Paese. L’aiuto dell’investigatrice Maud, nota a tutti come Miss Silver, si rivelerà provvidenziale. Un giallo condito anche di poesia, visto che la detective ama citare a ogni piè sospinto i versi di Alfred Tennyson.

Angela Manson, Quelli che uccidono

Vincitore del premio Bancarella, Quelli che uccidono ha come protagonista la poliziotta dilettante Kim Stones, un personaggio del resto ricorrente nei gialli firmati Angela Manson. Questa volta la trama ruota però attorno alla morte violenta di una prostituta e l’abbandono di un neonato. Il mistero ancora una volta verrà abilmente risolto dalla intrepida Kim.

Francesca Serafini, Le tre madri

Romanzo che segna l’esordio della sceneggiatrice Francesca Serafini nel mondo dei gialli. Protagonista delle Tre madri è la commissaria Lisa Mancini che, dopo essersi lasciata alle spalle l’Interpol di Lione, approda in un piccolo e tranquillo commissariato romagnolo, dove presto si trova però alle prese con la scomparsa di un quindicenne di origine inglese, membro di una comunità libertaria e contestatrice che vive in zona. Cosa si nasconde dietro questa improvvisa e immotivata sparizione? A Lisa Mancini la parola.

Foto | Republica via Pixabay

Giorgio Podestà

Giorgio Podestà

Nato in Emilia si occupa di moda, traduzioni e interpretariato. Dopo la laurea in Lettere Moderne e un diploma presso un famoso istituto di moda e design, ha intrapreso la carriera di fashion blogger, interprete simultaneo e traduttore (tra gli scrittori tradotti in lingua inglese anche il premio Strega Ferdinando Camon). Con Graphe.it ha pubblicato la silloge poetica «E fu il giorno in cui abbaiarono rose al tuo sguardo» e il saggio «Breve storia dei capelli rossi».

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Emma 1876

Emma, 1876: Gore Vidal racconta il punto più basso mai raggiunto dagli Stati Uniti

Leggi il romanzo Emma, 1876 di Gore Vidal e scopri l'affascinate affresco di un anno che è il punto più basso mai raggiunto dagli USA.

Gore Vidal

Chi è stato Gore Vidal, grande nome della letteratura d’oltreoceano

Scopri chi è stato Gore Vidal e leggi i suoi libri come La statua di sale che l'hanno consacrato come autore di talento negli USA e non solo.