Dare un punteggio ai libri

L’eterna diatriba del dare un punteggio ai libri: tu da che parte stai?

Nel mondo vastissimo della lettura, non esistono due lettori uguali. L’esperienza di immergersi in un libro è un viaggio personale e intimo, che varia da persona a persona. C’è chi predilige la fantasia e la fantascienza, rifuggendo la narrativa mainstream, mentre altri trovano nella letteratura romantica il loro rifugio ideale. E ancora, c’è chi non si lascia influenzare da etichette e generi, affidandosi unicamente alla sinossi per scegliere la prossima avventura letteraria. Ci sono anche coloro che amano i saggi e lasciano perdere la narrativa.

Tra le innumerevoli sfumature che contraddistinguono i lettori, una domanda accende il dibattito: i libri dovrebbero essere “votati” o no? Insomma: dare un punteggio ai libri (stelle, numeri, pallini) è una buona idea?

Pro e contro del dare un punteggio ai libri

A favore della valutazione numerica possiamo elencare i seguenti motivi.

  • Piattaforme letterarie e sistemi di classificazione: la maggior parte dei siti web e applicazioni dedicate alla lettura utilizza sistemi di punteggio, permettendo ai lettori di catalogare le proprie esperienze su scale da 1 a 5 stelle o da 1 a 10.
  • Orientamento nella scelta delle letturele recensioni e i voti degli altri lettori influenzano spesso le nostre decisioni. La valutazione media di un libro può fungere da indicatore generale del gradimento del pubblico.
  • Guida personale e collettiva: assegnare un punteggio aiuta a classificare le letture in base al proprio gusto, creando liste di libri preferiti, da consigliare o da non rileggere. Inoltre, la propria opinione, se accompagnata da una recensione, può essere utile ad altri lettori indecisi.

Viceversa, dare un punteggio ai libri può smuovere le seguenti obiezioni.

  • Mancanza di un criterio universale: le scale di punteggio variano da piattaforma a piattaforma e, soprattutto, da lettore a lettore. Un 3 per uno può essere un “discreto” mentre per un altro un “quasi bocciato”.
  • Limiti della quantificazione: un numero non può racchiudere la complessità e l’intensità di un’esperienza di lettura soggettiva. La ricchezza di sfumature e sensazioni si perde nella freddezza di una valutazione numerica.
  • Influenzamento e distorsione del giudizio: le recensioni negative possono influenzare negativamente la scelta di altri lettori, creando un effetto di “boicottaggio” ingiustificato.

Votare o non votare i libri: come agire in modo consapevole

Entrambe le posizioni hanno validi argomenti. Tuttavia, a nostro parere, i vantaggi della valutazione numerica superano i potenziali svantaggi, a patto che si adottino alcune accortezze.

  • Ampliare la scala di punteggio: utilizzare una scala più ampia, come da 1 a 10 con decimali, permette di esprimere un giudizio più preciso e sfumato.
  • Esplicitare il significato di ogni voto: chiarire pubblicamente il valore che si attribuisce a ciascun punteggio, fornendo una legenda personalizzata.
  • A corredo del voto, una recensione: arricchire la valutazione con una breve spiegazione che vada oltre il semplice numero, esplicitando le proprie emozioni e l’esperienza di lettura.

E tu, da che parte stai? Fai parte del team “voto” o del team “no voto”? La tua opinione conta! Lascia un commento e condividi con noi il tuo punto di vista.

Via | Lecturalia
Foto | Milkos via Depositphotos

Roberto Russo

Roberto Russo

Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

leggere in vasca da bagno

Come leggere comodamente in vasca da bagno

Leggere in vasca da bagno è una bella esperienza: scopri come rilassarsi con un libro nella vasca da bagno e leggere in ammollo.

figura paterna

Padri: eroi, confidenti, guide. 8 libri per scoprire la complessità della figura paterna

Immergiti in 8 romanzi che raccontano la figura paterna in tutte le sue sfumature: scopri le emozioni e le sfide legate al ruolo del padre.