Charles Bukowksi

Perché leggere Charles Bukowski

Charles Bukowski (1920-1994) è stato uno dei più controversi scrittori e poeti statunitensi. Solitamente molto amato o molto odiato, ha raccontato nei suoi romanzi a tinte forti, il degrado e il dolore dei suoi vari alter ego, dipendenti dall’alcool e dal sesso, incapaci di relazionarsi al prossimo e alle donne se non tramite rapporti altamente conflittuali, dilaniati dallo scontro continuo tra voglia di vivere e impulso autodistruttivo.

Perché leggere Charles Bukowski?

Perché dovremmo leggere Bukowski anche se non lo amiamo, pur se a volte ci colpisce nello stomaco e anche se non sarà mai il nostro scrittore preferito? Se vogliamo scrivere, è lui che ci insegna come affondare la lama nel dolore e nel disgusto di sé e del mondo. Lui che ci insegna come scrivere di sesso senza sembrare dei neofiti che cercano di comporre un best seller finto erotico.

Attenzione però, perché mettere le mani in pasta nei racconti di Bukowski significa anche avere il coraggio di andare oltre quello che lui ci racconta, per raccogliere brandelli dei luoghi oscuri che lo hanno originato, luoghi che comprendono povertà e violenze infantili.

A me, come lettrice, Charles Bukowski, che non è tra i miei scrittori preferiti, ha insegnato a mettere da parte senza pietà i compilatori di storie, per scegliere invece quegli autori che, a distanza di anni e nonostante differenze incolmabili e gusti letterari diversi, hanno lasciato una traccia, un segno, un ricordo di umanità.

“Perché non ti trovi un lavoro decente?”
“Non ci sono lavori decenti. Se uno scrittore non riesce a campare creando, vuol dire che è morto”.
“Oh, smettila, Carl! Al mondo ci sono miliardi di persone che non campano creando. Vuol dire che sono morte?”
“Sì”

(da: A sud di nessun nord).

E mi raccomando: leggere Charles Bukowski e da lui imparare a scrivere, non vuol dire riempire il testo di parolacce!

Testo di Mariantonietta Barbara
Foto | Origafoundation (Opera propria) [CC-BY-SA-3.0], attraverso Wikimedia Commons

Libraio

Libraio

Nata nell’estate 2005, la Graphe.it edizioni è il coronamento di un desiderio tanto profondo da poter essere catalogato come sogno e, come casa editrice, pur nella sua ridottissima dimensione, desidera coltivare i sogni nella vita di ogni giorno convinti che, come sosteneva Arthur Schopenhauer, la vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro; leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare. La Graphe.it edizioni si propone di dare voce a scrittori, esordienti o meno, che abbiano qualcosa da dire in maniera nuova e che, forse, non trovano ascolto... Intenzione della Graphe.it edizioni è perseguire la massima circolazione delle idee. Vorremmo che le culture di tutti i paesi soffiassero per la nostra casa con la massima libertà.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Teresa d'Avila

Santa Teresa d’Avila: biografia, opere e spiritualità di una grande donna

Scopri tutto quello che c'è da sapere su santa Teresa d'Avila: biografia, opere, spiritualità di una maestra che ha tanto da dire anche oggi.

bibliodiversità

Bibliodiversità, perché

Scopri cos'è la bibliodiversità e perché questo concetto base della cultura contemporanea è importante per tutta la filiera dell'editoria.