tombe di scrittori

Dove si trovano le tombe di scrittori e scrittrici celebri?

Molte volte le tombe di scrittori e scrittrici (ma dei personaggi famosi in genere: cantanti, papi, vip e via dicendo) sono mete di pellegrinaggio, inteso in senso non strettamente religioso: quasi come se stare vicino al proprio beniamino letterario, seppur morto, possa instaurare una sorta di rapporto fisico che superi quello della pagina scritta.

In proposito lo scrittore spagnolo Benjamín Prado afferma di avere una sorta di feticismo per le tombe degli autori:

Sono sempre stato molto attratto dalle tombe degli scrittori. A Praga mi sono recato al cimitero ebraico per vedere quella di Kafka: ricordo che pavimento era completamente coperto di edera e camminare tra le foglie alte fino alle caviglie produce una sensazione di irrealtà. Ricordo anche l’emozione che mi ha prodotto trovare la tomba di Cernuda in un cimitero di Città del Messico. Non c’era modo di trovarla e, dopo aver guardato in un registro e su una cartina, bisogna affidarsi alla fortuna. Camminando ho trovato anche altre tombe, per esempio, quella di Emilio Prados. Ogni tanto visito la tomba di Andersen a Copenaghen: bella, semplice e le persone lasciano delle monete come omaggio (traduzione mia).

Tombe di scrittori e di scrittrici

Ecco delle curiosità tanatologiche su alcuni scrittori e scrittrici:

  • Dante Alighieri (1265-1321): le vicende del suo corpo sono emblematiche. Dopo la morte non solo il sarcofago con il corpo fu spostato molte volte, ma le ossa stesse dell’Alighieri furono tolte dalla tomba e nascoste per paura che venissero portate a Firenze; attualmente si trovano nella tomba di Ravenna, anche se a Firenze c’è sempre il posto per accoglierle…
  • Montaigne (1533-1592): fu smembrato; si ritiene che il corpo riposi a Bourdeaux e il suo cuore nella chiesa di Saint Michel nel Périgord.
  • Voltaire (1694-1778): quando morì gli furono tolti alcuni denti.
  • Ugo Foscolo (1778-1827) è sepolto a Santa Croce in Firenze (basilica che è un vero e proprio scrigno di “itale glorie”)
  • John Keats (1795-1821) è sepolto nel cimitero acattolico di Roma; l’epitaffio è un manifesto poetico: “Qui giace un uomo / il cui nome / fu scritto con l’acqua”.
  • Oscar Wilde (1854-1900): la sua tomba si trova nel cimitero Père-Lachaise di Parigi ed è sempre coperta da scritte e da baci.
  • Marcel Proust (1871-1922) si trova al cimitero Père-Lachaise di Parigi.
  • Rilke (1875-1926) riposa a Montreux in Svizzera, sotto il seguente epitaffio: “Rosa, contraddizione pura! / Piacere / d’essere il sonno di nessuno / sotto infinite / palpebre” (è da evidenziare che a Montreux trascorse i suoi ultimi giorni anche Freddy Mercury, la cui statua ivi collocata è sempre piena di fiori e messaggi di affetto, e, sempre nella stessa città è morto Lucio Dalla nel 2012).
  • Herman Hesse (1877-1962) sta nel cimitero della chiesa di San Abbondio, in Svizzera.
  • Ezra Pound (1885-1972) riposa nel cimitero all’isola di San Michele a Venezia.
  • Fernando Pessoa (1888-1935) è sepolto nel chiostro del monastero di San Gerolamo a Lisbona; la sua tomba è una stele che riporta i nomi dei suoi eteronimi principali.
  • Georges Bernanos (1888-1948) è sepolto nel cimitero di famiglia di Pellevoisin, nella regione dell’Indre (Francia); ha fatto scrivere questo epitaffio: “Si prega l’angelo trombettiere di suonare forte: il defunto è duro di orecchie”.
  • Dorothy Parker (1893-1967) è stata cremata e le sue ceneri si trovano in un giardino di Baltimora. Lei stessa ha dettato il proprio epitaffio: “Scusatemi se faccio polvere”.
  • Margerite Yourcenar già da viva si era preparata la tomba nel cimitero di Somesville (Maine, USA): sulla lapide aveva fatto incidere il proprio nome, la data di nascita – 1902 – e le prime due cifre dell’anno della morte – 19. Raccontava che le sembrava ingiusto pensare di vivere fino al 2000 e che comunque poter visitare il luogo in cui sarebbe stata sepolta la tranquillizzava. La Yourcenar è morta il 19 gennaio 1987.
  • Albert Camus (1913-1960) è sepolto nel cimitero di Lourmarin, in Provenza.
  • Primo Levi (1919-1987) è sepolto nel cimitero monumentale di Torino e ha un epitaffio con il suo numero identificativo di Auschwitz: “174517”.
  • Leonardo Sciascia (1921-1989) è sepolto nel cimitero di Racalmuto (Ag), suo paese natale; sulla lapide bianca volle una sola frase: “Ce ne ricorderemo, di questo pianeta”. Questa frase proviene dallo scrittore francese Vilier de l’Isle-Adam, una delle ultime passioni di Sciascia.
  • Carlo Castellaneta (1930-2013) è sepolto nel Famedio del cimitero monumentale di Milano.

Via | Papel en blancoNazione Indiana
Foto | Albrecht Fietz via Pixabay

Roberto Russo

Roberto Russo

Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Domeniche d'agosto

Domeniche d’agosto: Patrick Modiano tra giallo e storia d’amore

Leggi il romanzo Domeniche d'agosto di Patrick Modiano e scopri come lo scrittore ci conduce tra le pagine di un noir d'amore.

viaggiare a new york

9 libri da leggere prima di viaggiare a New York

Scopri quali sono i migliori libri da leggere prima di viaggiare a New York per gustarvi pienamente la Grande Mela sotto diversi aspetti.