Poesie di Natale
Le più belle poesie di Natale

Le più belle poesie di Natale

Le poesie di Natale sono piene di fascino e allegria. Alcune sono allegre, altre un po’ tristi e malinconiche, altre ancora molto realistiche. In ogni caso che Natale sarebbe senza le poesie?

Le poesie di Natale più belle per riflettere sulla festa

Scopriamo allora le poesie di Natale più belle che possono esserci di aiuto per celebrare meglio questa festa. E per avere un quadro più completo, vi consigliamo la lettura anche la lettura delle poesie natalizie di autori famosi italiani come anche di poeti stranieri (e non dimentichiamo i versi poetici non religiosi e per finire quelle sull’albero di Natale).

Josif Brodskji

Scriveva Josif Brodskji nel Natale del 1971:

La neve cade; non mandano i camini
fumo, ma squilli. Ogni viso è una macchia.
Beve Erode. Nascondono i bambini
le donne. Chi verrà non può saperlo
nessuno: noi non conosciamo i segni,
potrebbe il cuore non più riconoscerlo.

Maria Luisa Spaziani

Per Maria Luisa Spaziani il Natale è un inno al silenzio:

Natale altro non è che quest’immenso
silenzio che dilaga per le strade,
dove platani ciechi
ridono con la neve.

Dino Buzzati

Dal canto suo Dino Buzzati prova a chiedersi cosa succederebbe se uno di questi Natali i desideri profondi si avverassero sul serio:

E se invece venisse per davvero?
Se la preghiera, la letterina, il desiderio
espresso così, più che altro per gioco
venisse preso sul serio?
Se il regno della fiaba e del mistero
si avverasse?

Pietro Alessandro Yon

Pietro Alessandro Yon fissa lo sguardo sulla capanna del presepe:

Nell’umile capanna
nel freddo e povertà
è nato il Santo pargolo
che il mondo adorerà
osanna, osanna cantano
con giubilante cuor
i tuoi pastori e angeli
oh Re di luce e amor.

Oren Arnold

Mentre Oren Arnold butta giù una specie di lista per i regali di Natale:

Alcuni suggerimenti per un regalo di Natale.
Al tuo nemico, perdono.
Al tuo avversario, tolleranza.
A un amico, il tuo cuore.
A un cliente, il servizio.
A tutti, la carità.
A ogni bambino, un buon esempio.
A te stesso, rispetto.

Foto | Eak K. via Pixabay

Roberto Russo

Roberto Russo

Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Libri fuori catalogo

Libri fuori catalogo: cosa sono e dove trovarli

Leggi cosa sono i libri fuori catalogo e scopri come trovarli per poter avere tra le mani un buon testo che non è più in catalogo.

Inverno

L’inverno nelle frasi, citazioni, poesie e aforismi

Scopri l'inverno nelle frasi, citazioni, aforismi e poesie celebri e leggi anche i proverbi sulla stagione più fredda dell'anno.