Eudora Welty
Eudora Welty in una foto del 1962

5 libri di Eudora Welty che devi leggere (se ancora non l’hai fatto)

La prima grande passione di Eudora Welty (1909-2001) fu la fotografia. Del resto, ci basta scrutare oggi quei suoi primi, lontani scatti (intenti a immortalare ora una donna che stira sul retro di un ufficio postale, ora uno sgangherato calesse su un sentiero bianco e polveroso) per capire subito e senza fraintendimenti la radice del suo enorme, esagerato talento di scrittrice.

Le sue storie si muovono in prevalenza nel sud degli Stati Uniti. Sono come vere e proprie immagini o, meglio ancora, istantanee dove le parole hanno quasi inevitabilmente la forza e il fascino della macchina fotografica. Studi di umanità scioccamente irreggimentata dalle regole di una società ipocrita. Cuori che fingono freddezza e noncuranza, ma che in verità ardono sotto la superficie monotona e ripetitiva di una quotidianità che non sembra lasciare loro scampo.

Un talento quello di Welty che potremmo definire, senza timore di essere smentiti, pungente. Una ironia vibrata che modula e nutre dal di dentro anche il dramma più assoluto.

Uno sguardo allo stile di Eudora Welty

La penna di Eudora Welty traccia e disegna ogni volta con fonda leggerezza realtà locali tristemente oscurantiste che sembrano inibire ogni gesto, ogni slancio che possa nascere da una sensibilità non allineata. Da un cuore giudicato dai più irregolare. Tuttavia nelle sue opere la speranza, l’ottimismo prendono volentieri il sopravvento. L’amore soprattutto diventa strumento di riscatto e di rivalsa.

Romanzi come La figlia dell’ottimista con cui vinse il premio Pulitzer nel 1973 e racconti come Why I live at the Post Office (che prende vita proprio da una fotografia scattata dalla stessa Welty negli anni cupi della Depressione, subito dopo il devastante crollo di Wall Street) mettono in luce un talento non comune. Un’acuta predisposizione a cogliere la voce nascosta delle cose.

Virtù tutte prontamente individuate dall’occhio vigile di un’altra grande scrittrice americana come Katherine Anne Porter che, dopo aver letto uno dei suoi primi racconti, decise di aiutare questa giovane autrice di belle speranze, scrivendo la postfazione a Una coltre di verde, raccolta di racconti pubblicati nel 1941. Un esordio questo che le aprirà le porte del successo, catapultandola nell’Olimpo delle Lettere d’oltreoceano.

Su Eudora Welty nel corso degli anni (la scrittrice morirà ultranovantenne) pioveranno meritatamente decine e decine di riconoscimenti nazionali e internazionali, dalla Legion d’honneur in Francia alla Medaglia presidenziale della Libertà, consegnatale dalle mani di Ronald Reagan nel 1981.

5 libri di Eudora Welty da leggere e rileggere

Eccovi allora un breve elenco di 5 letture che ci sentiamo di consigliarvi vivamente. Cinque titoli firmati Eudora Welty che dovreste assolutamente leggere (e, naturalmente, rileggere).

1. Lo sposo brigante

Una storia ambientata lungo le sponde del Mississippi e ispirata a una celebre fiaba dei fratelli Grimm. Un intreccio a cui non sembra mancare proprio nulla, dal padre amorevole alla matrigna cattiva, passando per un brigante dal fascino irresistibile di cui la bella Rosamund si innamora più o meno perdutamente.

2. Nozze sul Delta

La fine di un’intera epoca vista e raccontata attraverso gli occhi di Laura, bambina di solo nove anni che, in occasione di un importante matrimonio, arriva nella grande tenuta dei Fairchild, suoi ricchi parenti. Nozze sul Delta è il capolavoro di Eudora Welty. Una lettura irrinunciabile.

3. La figlia dell’ottimista

Siamo in un piccolo centro del sud degli Stati Uniti dopo la fine della Seconda guerra mondiale. Qui, dopo la morte del giudice Clinton McKelva (l’ottimista), i suoi familiari (ovvero la figlia Laurel e la seconda moglie Fay) verranno in breve tempo ai ferri corti. Un ritratto impietoso di un mondo in trasformazione, pronto ad abbandonare ogni gentilezza.

4. Il cuore dei Ponder

Protagonista di questo breve romanzo di Eudora Welty è la ricca e potente famiglia dei Ponder. Un equivoco causerà tutta una serie di disavventure tra cui l’erroneo internamento del ricco patriarca. La penna dell’autrice nel tratteggiare storia e personaggi rivela per l’ennesima volta tutta la sua irresistibile e acuta ironia.

5. Le mele d’oro

Il sud degli Stati Uniti rivive in questa celebre raccolta di racconti dove il mito e il folklore si intrecciano così fittamente da creare dall’inizio alla fine un’atmosfera da sogno. Un irresistibile, fatato delirio destinato ad avvincere subito (e irrimediabilmente) il lettore più consumato.

Foto | AnonimoUnknown author, Public domain, attraverso Wikimedia Commons

Giorgio Podestà

Giorgio Podestà

Nato in Emilia si occupa di moda, traduzioni e interpretariato. Dopo la laurea in Lettere Moderne e un diploma presso un famoso istituto di moda e design, ha intrapreso la carriera di fashion blogger, interprete simultaneo e traduttore (tra gli scrittori tradotti in lingua inglese anche il premio Strega Ferdinando Camon). Con Graphe.it ha pubblicato la silloge poetica «E fu il giorno in cui abbaiarono rose al tuo sguardo» e il saggio «Breve storia dei capelli rossi».

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Giuseppe Giacosa

Giuseppe Giacosa: un talento unico tra teatro e opera lirica

Scopri vita e opere di Giuseppe Giacosa, drammaturgo, librettista e uomo dal talento versatile che ha saputo conquistare il pubblico.

John Polidori

La nascita del vampiro: il racconto di John Polidori

Chi è stato John Polidori, il medico che ha dato vita al vampiro come lo conosciamo oggi: un viaggio alle origini di un mito immortale.