Scrittori e scrittrici amanti dei gatti
Scrittori e scrittrici amanti dei gatti

Scrittori e scrittrici amanti dei gatti

Il cane è il miglior amico dell’uomo. Ma bisogna fare una precisazione: se quell’uomo (inteso in senso di umanità) scrive, allora probabilmente il suo miglior amico sarà un gatto. Stando alle statistiche, infatti, c’è una stretta relazione tra l’amore per la lettura e quella per i gatti. Gli amanti dei gatti sono anche grandi amanti dei libri. E sembra che tale tendenza sia confermata anche da diversi scrittori e scrittrici che spesso si lasciavano fotografare insieme ai loro mici, ma che hanno fatto anche molto di più.

Se gli amanti dei gatti sono dei Nobel per la letteratura

Chissà, forse per essere premiati con il Nobel per la letteratura bisogna essere amanti dei gatti. Tra chi è stato insignito di questo riconoscimento, infatti, diversi amavano i mici.

Ernest Hemingway (1899-1961), per esempio, aveva una cinquantina di gatti a casa sua in Florida e, tra questi, c’era Snow White, gatto polidattilo. Nella sua casa museo ancora oggi vivono tanti gatti, sinceri fan dello scrittore premio Nobel nel 1954. Dal canto suo Doris Lessing (1919-2013) ha scritto il libro Gatti molto speciali in cui narra del suo rapporto con i mici. Inoltre ha pubblicato anche La vecchiaia di El Magnifico, in cui racconta di questo «gatto di grande intelligenza. Passavamo molto tempo a guardarci, a toccarli».

Altri Nobel amanti dei gatti sono stati Samuel Beckett (1906-1989), Albert Camus (1913-1960), Jean-Paul Sartre (1905-1980, ok, lui il Nobel l’ha rifiutato), T. S. Eliot (1888-1965), autore de Il libro dei gatti tuttofare, in cui, tra l’altro, ha un bel testo sul vero nome dei gatti, un nome intimo che solo loro conoscono e Wisława Szymborska (1923-2012) autrice della splendida poesia Il gatto in un appartamento vuoto.

Altri scrittori gattari

  • Samuel Johnson (1709-1784). Dinanzi alla casa dello scrittore a Londra, c’è una stata del suo gatto nero Hodge, che lo scrittore nutriva con ostriche che egli stesso andava a comprare.
  • Charles Dickens (1812-1870). Quando morì Bob, il suo gatto, lo scrittore era fermamente deciso a non separarsene e per questo trasformò una delle sue zampine in un tagliacarte. Ok, è macabro!
  • Mark Twain (1835-1910). Quando Bambino, il suo gatto, sparì all’improvviso, Twain pubblicò un annuncio sulla stampa per ritrovarlo e offrì una ricompensa a chi glielo avrebbe portato.
  • Julio Cortázar (1914-1984). Adottò un gatto nero randagio nel sud della Francia e gli diede un nome filosofico: Theodor Adorno.
  • Muriel Spark (1918-2006) ha così scritto in A mille miglia da Kensington: «Per concentrarti profondamente su un problema, soprattutto se è un pezzo da scrivere o qualcosa del genere, comprati un gatto. Lavora da solo con il gatto nella stanza. Il gatto si piazzerà sulla scrivania e si sistemerà placidamente sotto la lampada. Si sistemerà lì, serenamente, con una serenità oltre ogni dire. E la tranquillità del gatto si trasferirà gradualmente a te, seduto alla scrivania, così che gli aspetti del tuo carattere che tendono a distrarsi si ricomporranno e ti lasceranno concentrare di nuovo. Non devi metterti a fissare il gatto tutto il tempo. Basta che ci sia» (traduzione di Anna Allisio).
  • Patricia Highsmith (1921-1955). Viveva circondata da gatti, con i quali faceva tutto. I suoi gatti la accompagnavano durante tutto il giorno, anche nei momenti in cui scriveva.
  • Joyce Carol Oates (1938). «Scrivo tanto perché una gatta mi si siede in grembo. Mentre dorme non voglio alzarmi»: così ha confessato parlando del suo metodo di scrittura.

Disclaimer: su alcuni dei titoli linkati in questo articolo, Libri e parole ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi per l’utente finale. Potete cercare gli stessi articoli in libreria, su Google e acquistarli sul vostro store preferito.

Via | Librópatas
Foto | Pixabay

Roberto Russo

Roberto Russo

Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

vanità di vanità

Vanità di vanità: origine e significato di questa espressione della Bibbia

Leggi il significato di Vanità di vanità una delle espressione più emblematiche della Bibbia che nel corso del tempo è stata molto usata.

Come si apparecchia la tavola per Natale

Come si apparecchia la tavola per Natale

Leggi come si apparecchia la tavola per Natale secondo il galateo e scopri alcuni libri che possono esserti utili per celebrare con eleganza.