buon anno

Come augurare buon anno in più di 30 lingue

Le feste per il 31 dicembre e il Capodanno sono diverse in tutto il mondo. Di conseguenza, augurare Buon anno è differente a seconda della lingua ma anche della cultura. I sudafricani, per esempio, a mezzanotte del 31 dicembre lanciano oggetti domestici dalle finestre (e questo succede anche in alcune zone d’Italia). Il mondo ispanofono, invece, solitamente celebra il nuovo anno mangiando chicchi d’uva (dodici, uno a ogni rintocco dell’orologio).

Se quest’anno vuoi augurare buon anno in maniera un po’ più semplice, puoi provare a imparare a pronunciare la classica formula augurale in diverse lingue. Trentaquattro per la precisione.

Auguri di buon anno in (quasi) tutte le lingue

Sul canale Youtube di Innovative Language Learning c’è un video che insegna come dire “Buon anno” in varie lingue. Se ti impegni a guardare questa clip i 110 secondo più volte da oggi al 31 dicembre, magari potrai imparare a fare gli auguri di Capodanno in qualunque lingua. Troviamo il cinese xīnnián kuàilè, l’olandese gelukkig nieuwjaar, o anche il più semplice (per noi) ebraico shannah tovah.

C’è da notare che alcune culturale non fanno ricordo a parole per fare gli auguri per un felice anno nuovo. Nelle Filippine, per esempio, la mezzanotte si festeggia facendo rumore in tutti i modi possibili e immaginabili. Si ritiene che accendere fuochi d’artificio, sparare con le pistole e far scoppiare pentole e padelle possa spaventare gli spiriti maligni che tentano di rovinare la festa.

Altre idee per gli auguri di Capodanno

Se volete optare per qualcosa di più semplice e meno pericoloso (attenzione sempre con i fuochi d’artificio e, sia chiaro!, le pistole non si usano), puoi sempre mandare messaggi più o meno lunghi per augurare un sereno anno nuovo. Su questo nostro blog/magazine trovi una serie di consigli a tal proposito: frasi di auguri divertenti per Capodanno, poesie per il nuovo anno, proverbi per iniziare l’anno nuovo e via dicendo. E, mi raccomando, non fate errore: ti spieghiamo pure se si scrive capodanno o capo d’anno!

Via | Mentalfloss
Foto | NoName_13 via Pixabay

Roberto Russo

Roberto Russo

Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

non leggere libri

10 ottimi motivi per non leggere libri

Non leggere libri sembra essere l'imperativo categorico di questi tempi: scopri il decalogo provocatorio per smetterla con questa abitudine.

Libri che fanno sorridere

Libri che fanno sorridere (anche nei giorni no)

Scopri quali sono alcuni libri che fanno sorridere che puoi leggere nelle giornate negative per tirarti su il morale.