Anne Hébert
La scrittrice Anne Hébert (1916-2000)

Anne Hébert, la scrittrice canadese che ha esplorato la vita e la morte

Non vi è dubbio che quest’oggi ci troviamo di fronte a uno dei grandi nomi della letteratura canadese. Anne Hébert (1916-200). Un’autrice che ha intinto la sua prestigiosa penna sia nella prosa che nella poesia, dando sempre prova di un talento esclusivo, di una comprensione profonda della vita e della sua inesorabile controparte: la morte.

Lo sguado acuto di Anne Hébert

Due rovesci della stessa medaglia su cui Anne Hébert puntò presto il suo sguardo. Uno sguardo acuto, vibratile e intransigente che sapeva scendere negli abissi, esplorare le misteriose e violenti correnti che da sempre agitano la precaria esistenza dell’uomo e coglierne, grazie a quel suo genio intrinsecamente poetico, la dolorosa verità.

Del resto Hébert ebbe incontri ravvicinati con la morte fin dalla tarda adolescenza. La scomparsa improvvisa prima del cugino, il celebre poeta Hector de Saint-Denys Garneau e poi della sorella Marie segnarono indelebilmente l’animo della scrittrice. La sua opera si popolò così di immagini cupe, nere che evocavano la morte, l’annegamento. Una presenza a tratti così forte e prevaricante da non trovare in patria un editore abbastanza coraggioso e i suoi racconti raggruppati sotto il titolo di Le torrent dovettero attendere ben cinque anni prima di venire pubblicati.

Stessa amarissima sorte toccò alla sua seconda raccolta poetica. Un muro di gomma che Anne Hébert superò, pubblicando a proprie spese Le Tombeau des rois.

Dopo la scomparsa della madre e visto il clima poco favorevole che la circondava, l’autrice pensò di lasciare allora il Québec e trasferirsi a vivere a Parigi, certa di trovarvi un ambiente più favorevole e proprio la Francia, suo paese d’adozione, la gratificò nel 1982 con uno dei suoi più prestigiosi premi letterari: il Prix Femina.

Anne Hébert tornò a vivere in patria solo negli anni ’90, dove si spense ultraottantenne il 22 gennaio 2000. Nonostante questa lontananza geografica, il Québec rimase al centro dei suoi romanzi. Una presenza costante che accompagnò sempre la scrittrice, alimentandone l’esclusivo talento.

Foto | Kaderousse, CC BY-SA 4.0, da Wikimedia Commons

Giorgio Podestà

Giorgio Podestà

Nato in Emilia si occupa di moda, traduzioni e interpretariato. Dopo la laurea in Lettere Moderne e un diploma presso un famoso istituto di moda e design, ha intrapreso la carriera di fashion blogger, interprete simultaneo e traduttore (tra gli scrittori tradotti in lingua inglese anche il premio Strega Ferdinando Camon). Con Graphe.it ha pubblicato la silloge poetica «E fu il giorno in cui abbaiarono rose al tuo sguardo» e il saggio «Breve storia dei capelli rossi».

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Aldous Huxley

Scrittore, visionario, anticonformista: Aldous Huxley e i suoi 5 romanzi imperdibili

Esplora l'universo di Aldous Huxley con 5 dei suoi romanzi più iconici: un viaggio nelle opere di un autore che ha guardato oltre il tempo.

Mary Renault

Mary Renault e le sue storie d’amore gay dell’antica Grecia

Scopri chi è stata Mary Renault e leggi i suoi bestseller che mettono al centro l'amore tra uomini nell'antica Grecia.