Giornata mondiale degli ufo

Giornata mondiale degli UFO: quali libri leggere?

La Giornata mondiale degli UFO (nella sua sigla inglese: World Ufo Day) cade il 2 luglio in ricordo del celebre incidente di Roswell del 1947. Secondo le fonti ufficiali a Roswell, nel Nuovo Messico, in quel giorno si schiantò un pallone sonda, ma per molti invece si trattava di un disco volante che aveva alieni a bordo. Da allora Roswell è diventato sinonimo di UFO e culla di una linea di pensiero che cresce sempre negli anni.

Ricordiamo che il termine UFO è “l’acronimo dell’espressione inglese Unidentified Flying Object o Unknown Flying Object, ovvero oggetto volante non identificato, con cui si indica genericamente ogni fenomeno aereo le cui cause non possano facilmente o immediatamente essere individuate da un osservatore” (Wikipedia).

Il termine disco volante si fa risalire al pilota Kenneth Arnold che il 25 giugno 1947, “mentre sul suo CallAir A-2 stava svolgendo un’attività di ricerca di un velivolo militare andato disperso”, sostenne di aver “osservato nove insoliti oggetti volanti volare in schieramento vicino al Monte Rainier (Washington). Egli descrisse gli oggetti come luci intermittenti come se stessero riflettendo i raggi del Sole, il loro procedere era irregolare e volavano a una velocità molto elevata” (Wikipedia)

Intento della Giornata mondiale degli UFO è quello di sensibilizzare sul tema e, in particolare, vuole esortare i governi a essere trasparenti sulle informazioni che hanno in merito alla vita aliena.

Secondo il sito ufficiale della Giornata, vari sono i modi per celebrarla e tutti sono accomunati da un unico intento: non farla passare sotto silenzio in modo da poter sensibilizzare più persone possibili su questo tema. Si possono, pertanto, organizzare incontri e conferenze come anche feste a tema; tra amici si possono vedere film o serie tv che parlano di UFO e poi approfondire il significato; ci si può dedicare alla lettura di libri che affrontano l’argomento e via dicendo.

Libri per la Giornata mondiale degli UFO

Naturalmente noi consigliamo la lettura di libri. In libreria non mancano di certo pubblicazioni sugli UFO e, come è facile immaginare, alcuni sono dei concentrati di cialtronerie, altri sono testi più seri. Quali libri leggere?

Tra approfondimenti e misteri

Roberto Malini e Margherita Campaniolo hanno compilato un utile dizionario enciclopedico sugli UFO. Pubblicato da Giunti, questo volume di circa 400 pagine, mette in ordine vari eventi legati al mondo degli oggetti volanti non identificati: contatti, protagonisti, avvistamenti, cerchi nel grano e affronta anche il tema della paleoastronautica.

Per chi volesse approfondire i casi ritenuti più attendibili di avvistamenti in Italia, suggeriamo la lettura de Il libro bianco degli UFO in Italia. Il testo è scritto da Moreno Tambellini e Franco Marcucci e pubblicato da Armenia. Vengono analizzati 43 casi di avvistamenti nel nostro Paese. La prefazione del libro è di Roberto Pinotti di cui consigliamo il recente Ufo. La verità negata. Intelligenza mondiale e presenza mondiale. Si esaminano dati, documenti e conferme definiti schiaccianti, in base ai quali non sarebbe più possibile continuare a ignorare in nome dell’ordine pubblico e del timore di non saper gestire la conferma che siamo visitati da esseri extraterrestri.

Einaudi Ragazzi propone Storia illustrata degli Ufo di Adam Allsuch Boardman. È una guida per lettori dai 10 anni in su in cui vengono presentati alcuni dei più famosi casi mediatici e si indaga gli extraterrestri, le agenzie governative e i velivoli che stanno dietro alle leggende.

Altre letture per la Giornata mondiale degli UFO

Inoltre, come non raccomandare la lettura de La guerra dei mondi di H. G. Wells? Un vero e proprio sul tema invasione della Terra da parte degli alieni (ricordiamo anche i film tratti da questo libro, quello del 153 e quello del 2005 di Steven Spielberg). Se amate i thriller psicologici allora vi consigliamo la lettura di Sfera di Michael Crichton da cui è stato tratto anche un film. Infine, Guida galattica per autostoppisti di Douglas Adams è un must. Perché, anche nella Giornata mondiale degli UFO, la risposta non può che essere 42.

5 consigli di lettura sull’incidente di Roswell

Tutto è partito da Roswell. E allora torniamo lì, perché anche il mondo dei libri si è interessato a Roswell: come poteva essere altrimenti?

Il caso Roswell nei libri

  • Il giorno dopo Roswell è, forse, il libro più significativo: si tratta di un testo scritto dal tenente colonnello statunitense Philip J. Corso che, in collaborazione con William J. Birnes, rivelò di essere stato coinvolto nella gestione dei materiali extraterrestri raccolti dopo l’incidente.
  • L’incidente di Roswell è il titolo di eBook firmato da Wiki Brigades, collettivo internazionale di giornalisti che già aveva indagato sull’Area 51. Nel libro si affrontano le domande che ruotano attorno a questo incidente: cos’è successo davvero in quel lontano luglio 1947? Era davvero un velivolo alieno quello che precipitò nel New Mexico? Cos’hanno visto le persone che per prime si recarono nel luogo dell’incidente e, soprattutto, perché il Pentagono fece di tutto per insabbiare la vicenda con operazioni che in molti hanno definito ben oltre il limite della legalità?
  • Il caso Roswell. Gli extraterrestri sono già qui? Inchiesta sull’UFO precipitato nel Nuovo Messico è un altro testo da leggere se volete approfondire la questione. È di difficile reperibilità, ma non è impossibile da trovare. Gildas Bourdais ha raccolto in questo saggio alcune tessere che compongono il caso Roswell, ancora oggi il più eclatante tra le vicende che riguardano i “visitatori” provenienti da un altro mondo. L’appendice dell’edizione italiana (pubblicata da Mediterranee) contiene un testo di Roberto Pinotti dal titolo Autopsia di un alieno.
  • Roberto Fantolino ne La retroingegneria di Roswell prova a indagare ancora dell’incidente, partendo dal presupposto che effettivamente quello del 1947 sia stato un incidente alieno.

Foto | CoolCatGameStudio via Pixabay

Roberto Russo

Roberto Russo

Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

curiosità letterarie sul natale

4 curiosità letterarie sul Natale

Scopri alcune delle più simpatiche curiosità letterarie sul Natale per vivere più intensamente questa festa tanto cara al cuore di tutti.

J. R. R. Tolkien

Tolkien era un tipo all’antica

Scopri alcune curiosità du Tolkien, autore de Il Signore degli anelli, uomo all'antica, in stile old fashion che non amava la tecnologia.