romanzi nel mondo dell'arte

Romanzi nel mondo dell’arte, tra dipinti e pittori

La fascinazione per la pittura e l’immagine raffigurata ha radici lontanissime. Già nella preistoria l’uomo esprimeva i suoi sentimenti, i suoi intimi stupori (e smarrimenti) attraverso i graffiti o le incisioni rupestri.

Un tema così profondo e vitale non poteva non trovare spazio anche nell’immaginazione di chi, anziché usare pennello e colori, si affida, senza riserve, alla parola.

Molti scrittori, infatti, nel corso della loro carriera letteraria si sono lasciati suggestionare o incantare da un quadro più o meno famoso, da un ritratto misterioso intravisto, magari soltanto di fuggita, in un museo o ancora, più semplicemente, dall’artista stesso che, un giorno, preso dall’estro o dalla necessità, ha dato improvvisamente vita a qualcosa di indimenticabile.

I migliori romanzi nel mondo dell’arte

La letteratura è, di fatto, costellata di romanzi il cui  fulcro è rappresentato, in un modo o nell’altro, da dipinti e pittori. Storie dove l’arte, in tutte le sue molteplici valenze e significati, risplende in un chiaroscuro liquido e inquieto, come in bilico tra più mondi. Ombre e luci destinati a portare, almeno in alcuni casi, alla totale perdizione. A una inarrestabile discesa agli inferi da cui molto difficilmente si potrà risalire. Ritrovare la strada di casa. Buona lettura a tutti allora con i romanzi nel mondo dell’arte.

Oscar Wilde, Il ritratto di Dorian Gray

Un classico. Un romanzo che ruota per intero attorno a un quadro “stregato” in cui si avverte forte ed inconfondibile l’odore di zolfo del diavolo. Un ritratto che invecchia e si decompone al posto del famigerato e bellissimo Dorian Gray, dedito ad ogni sorta di piacere e sordidezza.

Vera Caspary, Laura

Un giallo a più voci che ispirò Vertigine, celebre film degli anni ’40 diretto da Otto Preminger.

Laura, una giovane donna di successo, viene trovata uccisa nel suo appartamento di New York. Mark, il poliziotto che indaga sulla sua morte, è fatalmente ossessionato dal ritratto di Laura. La ragazza (viva e vegeta) ricomparirà però all’improvviso, scombinando tutte le carte in tavola.

Margaret Atwood, Occhio di gatto

La protagonista di questo romanzo di Margaret Atwood è Elaine Risley, pittrice che ritorna nella nativa Toronto per una mostra dedicata ai propri quadri. Dolorosi ricordi, legati al bullismo sofferto nell’adolescenza, riaffioreranno però dalla memoria della donna. Un libro che indaga in profondità le ramificate ripercussioni che certe drammatiche vicende o comportamenti possono avere sugli abusati.

Tracy Chevalier, La ragazza con l’orecchino di perla

Johannes Vermeer e il suo celebre dipinto sono il fulcro di questo romanzo di Tracy Chevalier. Pagina dopo pagina, scopriamo la genesi del dipinto e la quotidianità, fatta di mille piccoli gesti, che si cela dietro la realizzazione di questo capolavoro dell’arte fiamminga. La ragazza con l’orecchino di perla non è altri che la giovanissima Griet, domestica tuttofare del grande pittore. Una lettura appassionante e imperdibile per chi ama i romanzi nel mondo dell’arte.

Donna Tartt, Il cardellino

Vincitore del premio Pulitzer, Il cardellino prende il via da un terribile attentato avvenuto al Metropolitan Museum of Art di New York dove il tredicenne Theodore perde tragicamente la madre.

Di quel giorno così drammatico, gli rimarrà un anello, datogli da un uomo in punto di morte, e Il cardellino, un quadro che il ragazzino sottrarrà alle macerie (e al museo), portandoselo a casa di nascosto.

Alex Michaelides, La paziente silenziosa

Una pittrice uccide apparentemente senza motivo il marito, chiudendosi da quel momento in avanti in un impenetrabile silenzio. Mandata in una casa di cura per malattie mentali, la donna inizia a dipingere quadri di una qualità completamente diversa.

Foto | Светлана Бердник via Pixabay

Giorgio Podestà

Giorgio Podestà

Nato in Emilia si occupa di moda, traduzioni e interpretariato. Dopo la laurea in Lettere Moderne e un diploma presso un famoso istituto di moda e design, ha intrapreso la carriera di fashion blogger, interprete simultaneo e traduttore (tra gli scrittori tradotti in lingua inglese anche il premio Strega Ferdinando Camon). Con Graphe.it ha pubblicato la silloge poetica «E fu il giorno in cui abbaiarono rose al tuo sguardo» e il saggio «Breve storia dei capelli rossi».

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Bianca Garufi

Ricordando Bianca Garufi, scrittrice, poetessa e psicoanalista

Scopri di più su Bianca Garufi scrittrice che ha iniziato il proprio percorso con Cesare Pavese per poi approdare alla psicoanalisi.

Anne Brontë

Anne Brontë, non in ombra e non un passo indietro

Anne Brontë è la sorella meno nota delle Brontë, ma non per questo il suo talento è minore rispetto a Charlotte ed Emily: scopri il perché.