Frasi sulla montagna: le più belle di ogni tempo
Frasi sulla montagna: le più belle di ogni tempo

50 splendide frasi sulla montagna

La montagna ha da sempre rivestito un fascino particolare per moltissime persone. Le montagne si ergono maestose e solitarie sulle nostre vite e raggiungere la loro cima è un’esperienza forte. Forse è per questo che le frasi sulle montagna sono sempre cercate, amate e condivise.

Le più belle frasi sulla montagna

Il fascino delle alture è ben espresso da diverse frasi sulla montagna lasciateci da diverse persone nel corso degli anni: da Walter Bonatti a Mauro Corona, dalla Bibbia a Goethe a Messner.

Frasi, aforismi e citazioni sulle montagne

  • Alzo gli occhi verso i monti: da dove mi verrà l’aiuto? Il mio aiuto viene dal Signore: egli ha fatto cielo e terra. (Salmi)
  • Arrampicati solo un poco sulla montagna, per vedere se è una montagna. Dalla cima, non potresti vedere se è davvero una montagna. (Frank Herbert)
  • Bandiere sulle montagne non ne porto: sulle cime io non lascio mai niente, se non, per brevissimo tempo, le mie orme che il vento ben presto cancella. (Reinhold Messner)
  • Dalla vetta non si va in nessun posto, si può solo scendere. (Mauro Corona)
  • Due voci possenti ha il mondo: la voce del mare e la voce della montagna. (William Wordsworth)
  • I monti sono maestri muti e fanno discepoli silenziosi. (Johann Wolfgang von Goethe)
  • Il Signore chiama a una montagna molto particolare. Una montagna che cresce secondo le sue parole. (Catherine Doherty)
  • Il silenzio della montagna è ancora più bello quando gli uccelli sono in silenzio. (Taisen Deshimaru)
  • In cima a ogni vetta si è sull’orlo di un abisso. (Stanislaw Jerzy Lec)
  • In montagna chi sta diritto e si espone al vento cade; chi invece si stende a terra non viene travolto. Nelle tentazioni ci vuole umiltà. (Giuseppe Marello)
  • In montagna, devi salire fino alla vetta solo se sei capace di scendere. (Kílian Jornet i Burgada)
  • In poche parti del creato si rivela tanto splendidamente quanto nell’alta montagna, la potenza, la maestà, la bellezza di Dio. (Pio XI)
  • In verità si può dire che l’esterno di una montagna è cosa buona per l’interno di un uomo. (George Wherry)
  • La continuità dei grandi spettacoli ci rende sublimi o stupidi. Sulle alpi, o sei un aquila o uno stupido. (Victor Hugo)
  • La fede muove le montagne, sì: le montagne di sciocchezze. (André Gide)
  • La forza della montagna è come la forza gravità sulla mia anima. (Heather Day Gilbert)
  • La montagna ci offre la cornice: tocca a noi inventare la storia che va con essa! (Nicolas Helmbacher)
  • La montagna dovrebbe servire per salire, ma anche, e soprattutto, per discendere. Verso la gente. (Alberto Bevilacqua)
  • La montagna è come un amore: se sei respinto, è meglio tornare indietro e non insistere. (Christian Kuntner)
  • La montagna è fatta per tutti, non solo per gli alpinisti: per coloro che desiderano riposo nella quiete come per coloro che cercano nella fatica un riposo ancora più forte. (Guido Rey)
  • La montagna più alta rimane sempre dentro di noi. (Walter Bonatti)
  • La montagna, nella Bibbia, è il luogo nel quale si svolge il dialogo tra Dio e l’uomo. (Carlo Ghidelli)
  • La via verso la cima è come il cammino verso se stessi, solitario. (Alessandro Gogna)
  • La vita solitaria della montagna coi suoi silenzi majestatici e il breve cerchio delle amicizie al paese gli conferiscono questo fortunato istinto di vigilante temperanza, che è segno preciso di compiutezza e di sufficienza spirituale. (Carlo Gnocchi)
  • Lassù provammo quel fascio quasi inestricabile di particolari sentimenti, che si suole chiamare il senso della vetta. Il mondo esterno, l’interno e il cosmico si compenetrano a vicenda. (Eugene Guido Lammer)
  • Le Alpi, un paese dove il cielo profondo, stanco di essere blu, si è sdraiato sulla montagna. (Boris Vian)
  • Le montagne sono le grandi cattedrali della terra, con i loro portali di roccia, i mosaici di nubi, i cori dei torrenti, gli altari di neve, le volte di porpora scintillanti di stelle. (John Ruskin)
  • Le montagne sono sempre generose. Mi regalano albe e tramonti irripetibili; il silenzio è rotto solo dai suoni della natura che lo rendono ancora più vivo. (Tiziano Terzani)
  • Mi sono sentito sempre estremamente fragile davanti agli elementi della montagna: da un lato, uno scheletro con la carne intorno, dall’altro, forze su cui ci si strofina, la roccia, il ghiaccio, le tempeste. (René Desmaison)
  • Migliaia di persone stanche, stressate e fin troppo “civilizzate”, stanno cominciando a capire che andare in montagna è tornare a casa e che la natura incontaminata non è un lusso ma una necessità. (John Muir)
  • Nessuno può dire di aver sentito il mormorio delle acque, se non ha sentito il concerto con il quale la montagna saluta la primavera. (Arnold Lunn)
  • Non cercate nelle montagne un’impalcatura per arrampicare, cercate la loro anima. (Julius Kugy)
  • Non misurare mai l’altezza del monte prima d’aver raggiunto la cima. Allora vedrai quanto era basso. (Dag Hammarskjöld)
  • Ogni volta nella vita è come nella natura: parli con la montagna e ti risponde l’abisso. (Efim Tarlapan)
  • Per l’uomo la montagna è una figura paterna con cui misurarsi. (Alessandro Gogna)
  • Quando abbiamo camminato per due ore in una montagna, si è più intelligenti. (Coline Serreau)
  • Quando si affronta la montagna, è importante amarla. E per tornare vivo è importante essere amato dalla montagna. (Jirō Taniguchi)
  • Quando uomini e montagne si incontrano, grandi cose accadono. (William Blake)
  • Quanto monotona sarebbe la faccia della terra senza le montagne! (Immanuel Kant)
  • Quassù non vivo in me, ma divento una parte di ciò che mi attornia. Le alte montagne sono per me un sentimento. (Lord Byron)
  • Se desideri vedere le valli, sali sulla cima della montagna; se vuoi vedere la cima della montagna, sollevati fin sopra la nuvola; ma se cerchi di capire la nuvola, chiudi gli occhi e pensa. (Kahlil Gibran)
  • Se sei in cerca di angeli o in fuga dai demoni, vai in montagna. (Jeffrey Rasley)
  • Sulla montagna sentiamo la gioia di vivere, la commozione di sentirsi buoni e il sollievo di dimenticare le miserie terrene. Tutto questo perché siamo più vicini al cielo. (Emilio Comici)
  • Sulle cime più alte ci si rende conto che la neve, il cielo e l’oro hanno lo stesso valore. (Boris Vian)
  • Un paese di pianura per quanto sia bello, non lo fu mai ai miei occhi. Ho bisogno di torrenti, di rocce, di pini selvatici, di boschi neri, di montagne, di cammini dirupati ardui da salire e da discendere, di precipizi d’intorno che mi infondano molta paura. (Jean-Jacques Rosseau)
  • Un uomo senza difetti è una montagna senza fessure. Non mi interessa. (René Char)
  • Una cima raggiunta è il bordo di confine tra il finito e l’immenso. (Erri De Luca)
  • Una fanciulla nel torrente lavava, lavava e cantava nelle nevi delle bianche Alpi. Si volse, mi accolse, nella notte mi amò. E ancora sullo sfondo le Alpi il bianco delicato mistero, nel mio ricordo s’accese la purità della lampada stellare, brillò la luce della sera d’amore. (Dino Campana)
  • Una serata passata a leggere grandi libri è per la mente ciò che una vacanza in montagna è per l’anima. (André Maurois)
  • Vado in montagna più per la paura di non vivere che per quella di morire. (Ada Gobetti)

La Giornata internazionale della montagna

Alle montagne è dedicata anche la Giornata internazionale della montagna che si tiene ogni anno il giorno 11 dicembre. Le origini di tale Giornata possono essere fatte risalire al 1992, quando, in occasione della Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente e lo sviluppo, venne adottato il capitolo 13 dell’Agenda 21 «Managing Fragile Ecosystems: Sustainable Mountain Development». Tuttavia la designazione ufficiale della Giornata internazionale della montagna risale al 2003 sulla scia del successo dell’Anno internazionale della montagna dell’Onu del 2002.

Foto | Pixabay

Roberto Russo

Roberto Russo

Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Caffè

10 opere letterarie che ogni amante del caffè dovrebbe leggere

Scopri i migliori romanzi in cui il caffè è in qualche modo protagonista e leggili magari mentre ti godi una tazzina di questa bevanda.

Giornata mondiale degli ufo

Giornata mondiale degli UFO: quali libri leggere?

Scopri quali libri leggere per la Giornata mondiale degli UFO e perché questa giornata si celebra proprio il 2 luglio di ogni anno.