Africa Petrarca

Africa, il poema epico di Petrarca

Andando indietro con i ricordi, ai tempi della scuola, oltre al Canzoniere di Petrarca, bisogna rammentarsi anche di Africa.

Si tratta di un poema epico in esametri latini composto da Francesco Petrarca fra il 1339 e il 1343. È considerata l’opera latina più importante dell’autore, motivo per il quale venne incoronato come poeta in Campidoglio. Lo stesso Petrarca ha sempre considerato Africa come il proprio capolavoro, anche se, per qualche motivo, a scuola si studia sempre e solo il Canzoniere.

Africa, storia e significato del poema latino di Petrarca

Africa è un poema in lingua latina che Petrarca ha dedicato a Roberto d’Angiò, re di Napoli. Il poema si compone di nove libri, ma è probabile che l’opera sia rimasta incompiuta. Questo perché, ai tempi del Petrarca, un’opera importante doveva avere dai dodici ai ventiquattro libri. Inoltre nel testo ci sono alcune evidenti lacune nel quarto e nel nono libro.

Il tema principale di Africa è la seconda guerra punica, con particolare riferimento alla biografia di Scipione l’Africano che sconfisse Annibale invadendo l’Africa quando questi invase l’Italia. Il poema si concentra soprattutto sul periodo intercorso fra la partenza di Scipione per l’Africa e la sua successiva vittoria a Zama.

Genesi e pubblicazione del testo

La scrittura dell’opera fu lunga. In un primo momento Petrarca scrisse i versi a Valchiusa, subito dopo la prima visita a Roma, avvenuta nel 1337. Un’altra parte del poema, invece, venne scritta durante i viaggi a Selvapiana, vicino a Canossa, quando Petraraca fu ospite del signore locale, Azzo da Correggio.

La stesura finale della bozza terminò nel 1343 e da allora il poeta continuò a revisionarla e cambiarla fino alla sua morte. Per la pubblicazione dell’opera dobbiamo aspettare ben trent’anni dopo la morte dell’autore, il 1397 per la precisione. Finché fu in vita, infatti, Petrarca considerò Africa imperfetto, motivo per cui non volle pubblicarlo e continuò a modificare e limare la sua opera di continuo (tranne i 34 versi relativi alla morte di Magone, il fratello di Annibale: furono gli unici pubblicati da Petrarca durante la sua vita). La pubblicazione dell’intera opera fu, dunque, postuma.

Per quanto riguarda la prima edizione stampata, invece, dobbiamo attendere Venezia e il 1501.

Il punto di vista di Petrarca

Africa è un’opera importante di Petrarca in quanto ci permette di capire quali fossero le idee del poeta sia sulla storia romana, sia sulla situazione dell’Italia. Nonostante l’importanza della tematica, però, dal punto di vista del valore poetico, l’opera non è considerata fra le sue migliori in quanto il poeta seguì troppo fedelmente i dettami di Livio, creando una sorta di storia in versi che, in alcune parti, appare troppo fredda e asettica.

I due passi più importanti dell’opera sono la morte di Magone (viene raccontata in maniera elegiaca con riferimenti anche alla questione della vanità delle cose) e la triste storia d’amore di Sofonisba.

Citazioni tratte dell’Africa di Petrarca

Ecco alcune citazioni tratte da Africa di Petrarca, ovviamente tradotte in italiano:

  • Ahi, sommità vacillante dei grandi onori, speranza fallace degli uomini, gloria vana rivestita di falsi allettamenti.
  • Gli animali tutti riposano; l’uomo non ha mai quiete e per tutti gli anni affretta ansioso il cammino verso la morte.
  • Ahi! Quale termine è dato a un’alta fortuna! Come s’acceca la mente nei lieti successi. Una pazzia dei potenti è questa, godere in un’altezza vertiginosa. Ma quello stato è soggetto a innumeri procelle, e chi s’è levato in alto è destinato a cadere.
  • Tu sola, o morte, ottima fra le cose, scopri gli errori, disperdi i sogni della vita trascorsa. Ora vedo quante cose mi procacciai, oh! misero, invano, quante fatiche mi addossai di mia scelta che avrei potuto tralasciare.

Foto | oleksandrberezko via Depositphotos

Nymeria

Nymeria

Nerd inside, come scopo nella vita sto cercando di leggere tutta la letteratura fantasy possibile e immaginabile.. Beh, poi ci sono anche i manga, i videogiochi, i telefilm, i film... ce la farò?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Libri fantasy con magia

I migliori libri fantasy con la magia: guida alla lettura

Scopri i migliori libri fantasy con magia che ti faranno sognare: dalle scuole di magia alle magie rare e potenti, ecco i libri imperdibili.

Libri fantasy orientali

Sogni di samurai, draghi e divinità: immergiti nella magia dei libri fantasy orientali

Scopri la magia dei libri fantasy orientali con samurai, draghi, divinità e avventure epiche ispirati a miti e leggende dell'Est.