Soledad

Soledad di Maurizio de Giovanni, omicidio in un Natale di guerra

Sempre Napoli e, ogni tanto, ancora Buenos Aires, significativamente. Dicembre 1939.

Soledad

L’abitudinario commissario Luigi Alfredo Ricciardi di Malomonte – occhi verdi, basette grigie, rughe incipienti – sa che ormai il nuovo edificio della questura è quasi completato. Presto dovranno trasferire gli uffici. Ripensa ai luoghi cari e agli effetti intensi come la figlia Marta (quasi cinque anni, nata mentre la mamma moriva nel parto), alla carissima affiatatissima moglie morta e ai pochi veri amici, a una canzone commovente e pure alla 40enne Livia (che sempre lo ha amato, affiatata ma non ricambiata).

Dall’altra parte del mondo, lei ora si chiama Laura Lobianco, le stesse iniziali rispetto a quelle dell’esistenza di cui ha nostalgia. Fa soddisfacente sesso con il ricco, magnifico, innamorato 32enne Facundo Rubia. Canta ammaliando nei caffè. Studia un pezzo struggente e continua a pensare di tornare in patria, nonostante tutti i pericoli.

Il delitto

Il 60enne brigadiere Maione, un metro e novanta per centotrenta chili, avvisa Ricciardi che è stato ritrovato un cadavere in via del Grande Archivio. All’interno dell’abitazione vivevano insieme la 61enne madre invalida Angelina Prudenzi e la bella figlia 32enne Erminia Cascetta, appena uccisa con un oggetto contundente, incinta.

Sulla scena del crimine Ricciardi si concentra per abbandonarsi alla dannazione del Fatto (un’eredità genetica, chissà se trasmessa a Marta), che gli fa sentire l’ultima frase pronunciata dai morti sul luogo della dipartita, l’ultimo barlume di una vita spenta. Questa volta: “Egoista, egoista, lasciami vivere”.

La porta era socchiusa e, nella reticenza e con molti dubbi, emergono via via alcuni possibili colpevoli: portinaie e apparenti amiche, un anziano ricco avvocato amante e il nuovo aitante fascista amato. Intorno c’è una grande confusione prebellica e tutti hanno pure altri pesanti pensieri per la testa.

Non basterà risolvere il caso per trovare un Natale di pace.

I romanzi di grande qualità di Maurizio De Giovanni

Il grande scrittore italiano Maurizio De Giovanni (Napoli, 1958) aveva chiuso oltre quattro anni fa la sua prima e più amata serie con il dodicesimo romanzo. Dopo gli esordi con le quattro stagioni del 1931, il seguito delle feste del 1932, le svolte matrimoniale del maggio 1933 e genitoriale dell’estate 1934, aveva dovuto abbandonare alla sua sorte l’amatissimo “diverso” commissario.

Lo abbiamo poi ritrovato ad aprile 1939 (tredicesima avventura) e ora alla fine dello stesso anno (quattordicesima). Romanzi di grande qualità.

I personaggi di Soledad di Maurizio De Giovanni

La trama rimane quella di un ingegnoso delitto che Ricciardi deve risolvere. Tutto intorno prendono spazio e tempo (come nelle serie tv) le vicende parallele noir e sentimentali dei tanti coprotagonisti, questa volta imperniate sulla solitudine, privata e sociale. Chi uccide, che probabilmente decide di agire per non restare solo.

La splendida e raffinata Livia-Laura, che sopravvive troppo sola in Argentina e sente il richiamo dei legami precedenti in Italia. Il buon Maione, che deve gestire da solo il recupero di un figlio sulla cattiva strada. L’attempato amico medico delle autopsie Bruno Modo, che milita nell’antifascismo e sente il fiato sul collo della delazione e della repressione (l’isola carcere o confino di Ventotene sullo sfondo).

La contessa Bianca Borgati di Zisa che contribuisce alla crescita di Marta (amando il padre) finalmente incerta fra il consolidarsi sola o accettare la corte di un nuovo gentile intenso spasimante. La mitica brutta governante Nelide che capisce di dover accompagnare comunque il barone pur se il bell’ambulante fruttivendolo Tanino ‘o Sarracino potrebbe aver sfiorato la sua dura solitaria scorza. Addirittura l’isolato questore Angelo Ganzo, che ha la moglie ebrea ormai in pericolo (dopo le leggi razziali del 1938) e cambia atteggiamento verso la famiglia ebrea dell’Enrica di Ricciardi (solitario per definizione).

La narrazione è, come sempre, in terza varia (con incursioni in prima su chi uccide e sul potente sincero avvocato). Lo stesso titolo si riferisce alla canzone Soledad (1934, testo di Le Pera, musica di Gardel). L’eterna solitudine che resta in chi vede lasciarsi per sempre. Altro che letteratura minore di genere!

Altre belle musiche, d’orchestra e jazz. Champagne al bordello.

Il libro

Maurizio De Giovanni
Soledad. Un dicembre del commissario Ricciardi
Einaudi, 2023

Valerio Calzolaio

Valerio Calzolaio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

L'ecosocialismo di Karl Marx

Marx era un ecologista? La risposta di un filosofo giapponese

Nel suo libro "L'ecosocialismo di Karl Marx", il filosofo giapponese Kohei Saito sostiene che l'opera di Marx è profondamente ecologista.

Il cinema di Romolo Guerrieri

Un viaggio nel cinema di Romolo Guerrieri

Giuseppe Costigliola con Il cinema di Romolo Guerrieri fa un viaggio nel cinema di genere italiano, attraverso la vita e l'opera del regista.