Io c'ero

Io c’ero: i comunisti romani si raccontano nel libro curato da Pino Santarelli

Roma, 1960–1989. Il Partito Comunista Italiano (1921–1991) aveva una federazione giovanile. Chi ne faceva parte a Roma non più di sessanta anni fa è spesso oggi ancora vivo e ha certamente avuto un percorso personale e politico che può essere interessante ricostruire per approfondire molti aspetti della storia della capitale, dei partiti, delle istituzioni italiane, e capire meglio almeno un paio di generazioni di personalità rilevanti per la vita pubblica.

Negli anni Sessanta militò nella Fgci anche Pino Santarelli (Scurcola Marsicana, 1941) che fu radiato dal Pci nel 1970 insieme al gruppo del Manifesto e poi vi tornò nel 1983 (nel 1984 vi sarebbe stata proprio la confluenza del Pdup nel Pci, dopo la morte di Berlinguer).

Io c’ero: la genesi del libro

Qualche anno fa, nel 2018 Santarelli pubblicò la sua intensa autobiografia, i circa quarant’anni dalla nascita sull’alta collina abruzzese al rientro nel Pci del 1983. Successivamente ha ritrovato un foglio ciclostilato dell’estate 1966 con l’elenco dei 61 cognomi (in ordine alfabetico) proposti per il comitato federale (provinciale) della Fgci romana.

Alcuni “compagni” di allora sono morti. Con alcuni lui è rimasto sempre in contatto, cari amici talora. Per altri si è informato e si è attivato. Così, Santarelli ha rintracciato venticinque “fgciotti” del 1966, resisi anche disponibili a rilasciare una “testimonianza” (dieci) oppure a rispondere a una “intervista” (quindici), cui aggiunge la narrazione che lo riguarda per il periodo successivo al 1983.

L’autore pubblica quindi ora con successo lo splendido risultato della raccolta delle ventisei storie di vivaci sapiens contemporanei (sei donne), divenuti comunisti non per caso, capaci di riflettere criticamente e acutamente sulla capitale della politica italiana senza mai limitarsi alle proprie vicende.

Cosa troviamo nel libro Io c’ero. Dal Luglio ’60 al crollo del Muro

Il volume Io c’ero è corposo, ma compatto.

Per tutti i coautori Santarelli è partito dalle prime banali notizie biografiche e familiari per poi affrontare il rapporto con la scuola e l’inizio della militanza a sinistra, luoghi di vita e relazioni umane, e poi i ruoli sociali e istituzionali, professionali e pubblici svolti nel corso dell’intera esistenza, l’evoluzione delle idee personali e degli impegni collettivi (con tragitti talora molto distanti dall’iniziale federazione giovanile comunista e pure tra di loro, tutti “rossi” all’inizio e a lungo).

Chi sono i comunisti romani che si raccontano

In non pochi casi si tratta di personalità con nomi ampiamente conosciuti e funzioni davvero rilevanti. I magnifici 25 sono: Roberto Antonelli, Maria Luisa Boccia, Angelo Bolaffi, Silvia Calamandrei, Valeria Castelli, Alessandro De Toni, Teresa Ellul, Paolo Flores D’Arcais, Anna Foa, Claudio Fracassi, Angelo Fredda, Enrico Giusto, Fabrizio Grillenzoni, Augusto Illuminati, Aldo Luciani, Pio Marconi, Alberto Olivetti, Vanni Pierini, Aldo Pirone, Gianni Pistilli, Mimmo Quaratino, Daniela Romiti, Franco Russo, Duccio Trombadori, Riccardo Varanini.

Quindici sono nati tra il 1943 e il 1947, gli altri dopo; 14 a Roma, gli altri altrove (uno a Recanati); 7 figli di padre operaio, 4 di militare, 3 di dirigente statale; 15 con la madre casalinga, 4 insegnante; 19 studenti del classico, 5 di scuole professionali; 9 divenuti docenti universitari, 4 operai-sindacalisti, 4 giornalisti, 3 (anche) deputati; 15 che si dichiarano ancora “comunista” (e 5 no).

Molto molto interessante. Ogni personalità trasuda vita vera, intrecci significativi, pensieri fertili. Loro c’erano.

Il libro

Pino Santarelli
Io c’ero. Dal Luglio ’60 al crollo del Muro: i comunisti romani si raccontano
prefazione di Paolo Franchi
Bordeaux, 2023

Disclaimer: su alcuni dei titoli linkati in questo articolo, Libri e parole ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi per l’utente finale. Potete cercare gli stessi articoli in libreria, su Google e acquistarli sul vostro store preferito.

Valerio Calzolaio

Valerio Calzolaio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

L'ecosocialismo di Karl Marx

Marx era un ecologista? La risposta di un filosofo giapponese

Nel suo libro "L'ecosocialismo di Karl Marx", il filosofo giapponese Kohei Saito sostiene che l'opera di Marx è profondamente ecologista.

Il cinema di Romolo Guerrieri

Un viaggio nel cinema di Romolo Guerrieri

Giuseppe Costigliola con Il cinema di Romolo Guerrieri fa un viaggio nel cinema di genere italiano, attraverso la vita e l'opera del regista.