dolce vita dolce morte giancarlo de cataldo

Dolce vita, dolce morte: novella nera che vira sul romantico di Giancarlo De Cataldo

Roma, primavera 1963. Marcello viene svegliato da Marianne. La suoneria del telefono fa un rumore infernale.

Dolce vita, dolce morte

Sono le tre del pomeriggio e il caporedattore gli chiede di andare subito al giornale. Serve un pezzo di colore sulla morte della 22enne Greta Müller, tedesca di Monaco di Baviera, occhi luminosi e capelli biondo maturo, aspirante attrice o modella, seducente e sbevazzona, in grado di parlare anche italiano, inglese e francese. Neppure sanno che lui l’ha conosciuta bene, amante dolce e arrendevole, non troppo fantasiosa.

Le sono state inferte sette coltellate sul pianerottolo di una modesta pensione in via Emilia, dov’era ospite dell’amica Elizabeth, che non l’ha sentita gridare.

Poche e vaghe le testimonianze e gli indizi. Il commissario Carelli indaga, interroga, confronta, ma non ha piste certe.

La storia di Marcello Montecchi e Greta Müller

Il trentenne Marcello Montecchi è molto attraente, ambizioso ma indolente, disinteressato alla politica e ai pettegolezzi. Scrive bene e ha l’abbozzato progetto (non in calendario) di un grande romanzo.

L’aveva incontrata il giugno precedente in via Veneto, avevano flirtato un poco, dopo una settimana erano finiti a letto, tornandoci quasi ogni sera per oltre un mese. Lui conosce tutta la Roma che conta e le aveva presentato stilisti registi produttori. Poi, quando era andato a trovare una settimana il padre sull’Adriatico, lei si era messa con un altro, facendosi risentire solo a ottobre prima di una sfilata.

Erano restati amici. Il bel Marcello era abituato (solo) alle storie passeggere finché a febbraio aveva conosciuto Marianne che era presto andata a convivere, lui finalmente un poco innamorato della modella cantautrice di Oslo dagli occhi verdi, che si sente anarchica e odia i fascisti.

Per una ventina di giorni l’omicidio tiene banco sui giornali e nelle conversazioni, poi finisce nell’oblio.

Eppure a primavera 1964, nell’autunno 1974 e a primavera 1988 il cresciuto Marcello viene di nuovo chiamato in causa da notizie e novità sul delitto, forse ancora insoluto.

Bella novella nera di Giancarlo De Cataldo

Il grande prolifico scrittore italiano Giancarlo De Cataldo (Taranto, 1956), ormai in pensione da magistrato, ha sempre avuto una passione per i fitti misteri, i delitti veri, le cronache criminali romane.

Questa volta ci consegna una bella novella nera (è anche il titolo della collana) con mille rimandi e immaginari, storici e cinematografici.

Siamo ai fertili e mortali tempi della dolce vita (da cui il titolo, l’omaggio a Fellini è costante in tutte le pagine), via Veneto e Marcello Mastroianni sono in campo.

Il caso di Christa Wanninger

Il reale cold case è il delitto di Christa Wanninger (1940) del 2 maggio 1963. Un fatto di sangue intorno al quale si ipotizzarono le piste più svariate, dal serial killer alle trame nere, dai Nazisti allo spionaggio. La verità giudiziaria della Corte di Cassazione nel 1988 attestò definitivamente la responsabilità dell’oscuro pittore aversano Guido Pierri, dopo che lui stesso nel 1964 si fece avanti con un giornalista affermando di saperne qualcosa, nonostante fosse ritenuto incapace di intendere e di volere (poi non andò in carcere) e si sia comunque sempre dichiarato innocente (e sano di mente, poi sposatosi).

Vere sono le strade e i locali, il clima dei paparazzi e gli umori degli intellettuali (alcuni incontrati dal protagonista, come Pasolini e Moravia), il contesto politico e culturale, le cerchie e le truffe di Roma, le dinamiche nei quotidiani e nelle tipografie dell’epoca (senza internet, cellulari, social).

Dolce vita, dolce morte è un’ottima fiction

Quasi tutto il resto è ottima fiction (contando anche sui ricordi personali, da un certo momento in poi).

Marcello fa strage di cuori. È un giornalista (non un attore) che evolverà nelle relazioni (soprattutto quando arriva il padre Radames) e nella specifica carriera.

Marianne è la musa Anita delle dolci notti ma poi partirà, farà l’artista concettuale a New York e infine proprio la cantautrice girovaga.

L’intreccio è noto ma la fine storicamente incerta, il giallo virerà sul noir romantico (l’amore travagliato per la città d’adozione). I colpi di scena vengono scadenzati in quattro parti per i differenti periodi delle notizie sulle indagini, ma i fili delle biografie risulteranno poi tirati con maestria autorale (e risalta il piccolo untuoso Momo Sangiacomo).

Pinot grigio con il pesce ai Parioli come si usava nei Settanta.

Negli stessi giorni la travolgente amante giovane gli fa ascoltare Alice di De Gregori, spiegando: “Questo ragazzo cambierà la musica italiana”. Marcello non è molto seriosamente convinto del testo.

Il libro

Giancarlo De Cataldo
Dolce vita, dolce morte
Rizzoli, 2022

Valerio Calzolaio

Valerio Calzolaio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Quando sarò vecchio

Quando sarò vecchio: Edoardo Boncinelli racconta la vecchiaia

Leggi il libro Quando sarò vecchio e segui le riflessioni del grande genetista, biologo e psicoterapeuta italiano Edoardo Boncinelli.

i lunghi coltelli

I lunghi coltelli, notevole noir di Irvine Welsh

Leggi il noir I lunghi coltelli e scopri Ambientato un bel thriller con tutti gli ingredienti che hanno portato al successo Irvine Welsh.