Flannery O'Connor

10 dei migliori racconti di Flannery O’Connor che tutti dovrebbero leggere

Flannery O’Connor (1925-1964) ebbe il suo primo rendez-vous con la celebrità quando, ancora bambina, insegnò a un pollo a camminare all’indietro. Una notizia che, nell’America della Grande Depressione , fece così tanto scalpore da suscitare l’interesse di un’importante emittente televisiva che, senza perdere tempo, mandò fin in Georgia una propria troupe a intervistare la piccola ma volitiva Flannery.

Chi è stata Flannery O’Connor

Non erano del resto anni facili. Il padre della scrittrice era morto da poco a causa del lupus, malattia terribile e invalidante che avrebbe presto colpito la stessa O’Connor.

La sua, poi, fu una vera e propria battaglia contro il tempo. Il suo genio letterario non poteva in alcun modo nicchiare. Attendere. L’orologio della vita correva all’impazzata. Sempre più veloce. Sempre più implacabile.

Cattolica fervente e lettrice appassionata di san Tommaso d’Aquino, per anni Flannery O’Connor tenne anche un diario dove dialogava quotidianamente con Dio. Le sue preghiere erano un’invocazione precisa e limpida che toccava da vicino anche la sua arte di scrittrice. Nel 1952 uscì, applaudito unanimemente da pubblico e critica, il suo primo capolavoro: La saggezza nel sangue.

10 racconti di Flannery O’Connor da leggere

Tuttavia qui non ci dedicheremo ai romanzi, ma prenderemo in considerazione i dieci racconti su cui oggi posa gran parte della sua fama. Raccolte scritte a più riprese nel corso della sua breve e sofferta esistenza.

Storie dove il suo occhio acuto, in grado di penetrare tra le profondità dell’animo umano, sembra trovare il proprio habitat naturale. Pagine in cui l’imprevisto, l’elemento bizzarro e inspiegabile cade di taglio sulle vite dei suoi tanti protagonisti. Ora ecco che appare quasi come una luce abbagliante piombata improvvisamente dall’alto, ora come un’ombra chiusa e raggelata venuta sinistramente su dal basso, ma il suo manifestarsi – questo il punto cruciale di ogni singola narrazione – avrà sempre e comunque il dono estremo della rivelazione. Di un’epifania destinata a creare un indissolubile spartiacque.

Tutti i racconti di Flannery O’Connor

Buona lettura con i 10 racconti più belli di Flannery O’Connor, pubblicati in Italia da Bompiani (Tutti i racconti, a cura di Marisa Caramella).

1. Brava gente di campagna

È senza ombra di dubbio una delle storie più famose di Flannery O’Connor. Siamo nel Sud degli Stati Uniti dove un venditore di Bibbie seduce Hulga, una giovane che, a causa di uno colpo partito accidentalmente da un’arma da fuoco quando era ancora una bambina, ha perso una gamba ed è ora costretta a portare una protesi di legno.

2. Tardivo incontro con il nemico

La nipote di un veterano della Guerra di Secessione, ormai ultra-centenario, prega perché l’uomo viva almeno fino al giorno in cui le sarà consegnato il diploma. La cerimonia le consentirebbe, infatti ,di fare sfoggio di fronte alla comunità del vecchio eroe, aumentando così il proprio prestigio sociale e la propria popolarità.

3. Rivelazione

Protagonista della storia una donna religiosa ma terribilmente snob che, mentre è in attesa in un ambulatorio, ha una sorta di visione o, meglio ancora, di epifania , durante la quale l’anima della vicina, da lei guardata sempre in tralice, ascende al cielo. Le sorprese per la donna non sono però ancora finite.

4. La vita che salvi può essere la tua

Una tranquilla sera nel Sud degli Stati Uniti. Madre e figlia siedono nel portico della propria casa quando sopraggiunge un uomo che la signora Crater identifica prontamente come un vagabondo. Tuttavia, dopo pochi minuti la donna pensa di dargli in moglie la figlia, minorata mentale. Le conseguenze saranno disastrose.

5. Un cerchio nel fuoco

Una fattoria isolata dove la signora Cope vive con la propria figlia. L’arrivo inaspettato di tre ragazzi creerà un clima di inquietudine e pericolo. I tentativi della donna di liberarsi una volta per tutte degli intrusi si riveleranno vani. Il fuoco, come già annuncia il titolo, sarà destinato a divampare ferocemente.

6. Gli storpi entreranno per primi

Una delle storie forse più drammatiche che Flannery O’Connor abbia mai scritto. Sheppard, che è comprensivo con tutti e sempre pronto ad aiutare i ragazzi più bisognosi della parrocchia, non riesce a capire il comportamento del proprio figlio, sconvolto dal dolore per la morte della madre.

7. Punto Omega

Pubblicato postumo nel 1965, Punto Omega è ambientato su un autobus nel Sud degli Stati Uniti. Durante il viaggio di Julian e di sua madre, i due protagonisti del racconto, la tensione razziale tra neri e bianchi rischia di esplodere, travolgendo tutto e tutti.

8. Greenleaf

L’alterigia della signora May, sdegnosa figlia dell’aristocrazia terriera degli Stati del Sud , domina le pagine di questo racconto pubblicato nel 1956. La donna tiene in grande disprezzo i Greenleaf che considera solo dei rozzi parvenu. Quando uno dei loro tori insidia una delle sue mucche di razza, la rabbia classista della signora May esplode definitivamente.

9. Il fiume

Harry è un ragazzino che abbandona la propria famiglia per vivere da solo lungo le rive di un fiume. Una volta battezzatosi in quelle acque fonde e misteriose ed aver scelto un nuovo nome, decide improvvisamente di ritornare a casa, ma il fiume sembra, in un modo o nell’altro, richiamarlo prepotentemente a sé.

10. Un brav’uomo è difficile da trovare

Una famiglia composta da nonna, figlio, nuora e tre nipoti si mette in viaggio per passare una vacanza in Florida. La vecchia donna annuncia però che, in quelle zone, si nasconde un pericoloso fuggiasco di nome Misfit. Che la famigliola americana sia ahimè destinata a incrociare il criminale braccato dalla polizia? Conoscendo la penna e l’estro della sua autrice direi proprio di sì.

Via | Interesting Literature
Foto | WikiCommons

Disclaimer: su alcuni dei titoli linkati in questo articolo, Libri e parole ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi per l’utente finale. Potete cercare gli stessi articoli in libreria, su Google e acquistarli sul vostro store preferito.

Giorgio Podestà

Giorgio Podestà

Nato in Emilia si occupa di moda, traduzioni e interpretariato. Dopo la laurea in Lettere Moderne e un diploma presso un famoso istituto di moda e design, ha intrapreso la carriera di fashion blogger, interprete simultaneo e traduttore (tra gli scrittori tradotti in lingua inglese anche il premio Strega Ferdinando Camon). Con Graphe.it ha pubblicato la silloge poetica «E fu il giorno in cui abbaiarono rose al tuo sguardo» e il saggio «Breve storia dei capelli rossi».

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

florbela espanca poesie scelte

La coinvolgente e toccante poesia di Florbela Espanca

Leggi le poesie di Florbela Espanca nella traduzione di Danila Boggiano e scopri gli intensi versi della giovane poetessa portoghese.

Janet Frame

Janet Frame e la sua autobiografia “Un angelo alla mia tavola”

Scopri chi è stata Janet Frame scrittrice neozelandese che ha raccontato la sua vita in Un angelo alla mia tavola diventato anche un film.