Nobel per la letteratura italiani
Premi Nobel letteratura italiani: Giosuè Carducci, Grazia Deledda, Luigi Pirandello, Salvatore Quasimodo, Eugenio Montale e Dario Fo

Nobel per la letteratura italiani: quanti sono? Chi sono?

Chi sono le autrici e gli autori italiani che hanno vinto il Premio Nobel per letteratura? Ne sono in tutto sei: cinque uomini (Giosuè Carducci, Luigi Pirandello, Salvatore Quasimodo, Eugenio Montale e Dario Fo) e una donna (Grazia Deledda).

Tra un premio e l’altro sono trascorsi in media diciotto anni (con un minimo di otto anni tra Deledda e Pirandello e un massimo di venticinque anni tra lo stesso Pirandello e Quasimodo). Statisticamente parlando i tempi sarebbero maturi per un altro Premio Nobel all’Italia: l’ultimo risale al 1997 ed è stato assegnato a Dario Fo.

I sei Nobel per la letteratura italiani

Vediamo, dunque, i sei Nobel per la letteratura italiani e le motivazioni che hanno accompagnato l’assegnazione del Premio Nobel ai nostri connazionali:

Giosuè Carducci

Valdicastello di Pietrasanta, 27 luglio 1835 – Bologna, 16 febbraio 1907

Ha vinto il Nobel per la letteratura nel 1906: “Non solo in riconoscimento dei suoi profondi insegnamenti e ricerche critiche, ma su tutto un tributo all’energia creativa, alla purezza dello stile ed alla forza lirica che caratterizza il suo capolavoro di poetica”.

Grazia Deledda

Nuoro, 27 settembre 1871 – Roma, 15 agosto 1936

Il Nobel per lei arriva nel 1926: “Per la sua ispirazione idealistica, scritta con raffigurazioni di plastica chiarezza della vita della sua isola nativa, con profonda comprensione degli umani problemi”.

Luigi Pirandello

Girgenti, 28 giugno 1867 – Roma, 10 dicembre 1936

Siamo nel 1934 e Pirandello vince il Nobel per la letteratura: “Per il suo coraggio e l’ingegnosa ripresentazione dell’arte drammatica e teatrale”.

Salvatore Quasimodo

Modica, 20 agosto 1901 – Napoli, 14 giugno 1968

vince il prestigioso riconoscimento nel 1959: “Per la sua poetica lirica, che con ardente classicità esprime le tragiche esperienze della vita dei nostri tempi”.

Eugenio Montale

Genova, 12 ottobre 1896 – Milano, 12 settembre 1981

Nel 1975 il Nobel per la letteratura torna in Italia e va a Montale: “Per la sua poetica distinta che, con grande sensibilità artistica, ha interpretato i valori umani sotto il simbolo di una visione della vita priva di illusioni”.

Dario Fo

Sangiano (Varese), 24 marzo 1926 – Milano, 13 ottobre 2016

Fo vince il Nobel per la letteratura nel 1997 con la seguente motivazione: “Che seguendo la tradizione dei giullari medioevali, dileggia il potere restituendo la dignità agli oppressi”.

Foto | WikiMedia Commons

Roberto Russo

Roberto Russo

Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Parole lunghissime

Parole lunghissime, così lunghe da essere impronunciabili

Scopri le parole lunghissime delle varie lingue e leggi la parola più lunga della lingua italiana che è come uno scioglilingua.

Carnevale vecchio e pazzo

Carnevale vecchio e pazzo, poesia attribuita a Gabriele D’Annunzio

Leggi la poesia Carnevale vecchio e pazzo che viene erroneamente attribuita a Gabriele D'Annunzio ma è sempre una simpatica filastrocca.