Il canto 33 del Paradiso
Il canto 33 del Paradiso

Canto 33 del Paradiso: riassunto, struttura e commento

Il Canto 33 del Paradiso della Divina Commedia di Dante Alighieri è ambientato nell’Empireo, sede dei beati. È l’ultimo canto del Paradiso e quindi di tutta la Divina Commedia, quello che termina con una preghiera alla Vergine e successiva visione di Dio, Trinità e Incarnazione.

Il canto 33 del Paradiso

Il canto inizia con una preghiera in tono solenne di San Bernardo alla Vergine Maria, divisa in due parti: il canto di lode e l’orazione. La parte iniziale di questa preghiera è piena di ossimori e antitesi.

Dante Alighieri scelse appositamente San Bernardo di Chiaravalle per questo ruolo da mediatore. Egli, infatti, fu uno dei più importanti esponenti del pensiero mistico del XII secolo e fautore del culto di Maria Vergine.

Dopo la preghiera, inizia la parte relativa alla visione di Dio. Dante dichiara di non aver parole per descriverla (cosa abbastanza irritante a dire il vero) o anche solo per ricordarla. Quindi comincia una serie di riflessioni psicologiche e teoriche dove si parla del tema della limitatezza della mente umana, dell’ineffabilità e della carenza di mezzi linguistici per dare voce a questa visione.

Per far capire al lettore il tema dell’impossibilità della memoria di descrivere la visione di Dio, Dante ricorre a tre immagini: la similitudine con il sogno, rimane impressa l’emozione, ma non l’evento che l’ha provocato; un’impronta sulla neve che si scioglie al sole; le previsioni della Sibilla che venivano scritta su foglie e che potevano essere disperse dal soffio del vento (richiamo all’Eneide).

Da qui parte poi l’invocazione a Dio, che però non è una descrizione concreta, piuttosto psicologica. Inizia poi la seconda visione, quella della Trinità: sono tre cerchi di grandezza uguale e colori diversi. Il primo è il Padre, il secondo è il Figlio che riflette il primo e il terzo è lo Spirito Santo che emana dai due precedenti. Dante scrive poi un’altra esclamazione dove parla del Dio unico e trino.

Poi nel cerchio del Figlio vede l’immagine di una forma umana, si tratta dell’Incarnazione. Dante cerca con difficoltà di capirla, ma viene illuminato dalla Grazia di Dio e finalmente riesce a comprendere tutto, solo che non può esprimerlo a parole. Il poema si chiude così, con Dante che afferma che il suo desiderio di conoscenza è stato finalmente soddisfatto grazie all’armonia universale di Dio.

Le stelle

In questo modo l’uomo entra a far parte del moto circolare divino e chiude la cantica con la stessa parola che chiude anche l’Inferno e il Purgatorio:

  • E quindi uscimmo a riveder le stelle (Inferno)
  • Puro e disposto a salire alle stelle (Purgatorio)
  • L’Amor che move il sole e l’altre stelle (Paradiso)

Foto | John Flaxman [Public domain], via Wikimedia Commons

Nymeria

Nymeria

Nerd inside, come scopo nella vita sto cercando di leggere tutta la letteratura fantasy possibile e immaginabile.. Beh, poi ci sono anche i manga, i videogiochi, i telefilm, i film... ce la farò?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Le più belle frasi di incoraggiamento

Frasi di incoraggiamento: le più belle e famose

Leggi le più belle e famose frasi di incoraggiamento e scopri quali sono quelle più adatte per la tua situazione o per aiutare una persona amica.

Le più belle frasi divertenti per ogni occasione

Più di 100 frasi divertenti per ogni occasione

Scopri le più belle frasi divertenti su amicizia, amore, matrimonio, dieta, vita, lavoro, caldo, uomini, per il compleanno e per Facebook e Whatsapp.