Omicidio a Carloforte

Antonio Boggio racconta un omicidio a Carloforte

Un’isola nell’isola, quella di San Pietro, in Sardegna. Antonio Boggio ha scelto di ambientare proprio qui il suo romanzo d’esordio: Omicidio a Carloforte, edito da Piemme.

I luoghi del giallo

Ogni volta che il traghetto si avvicina al porto è inevitabile l’impressione di arrivare in un luogo sospeso, diverso.

Così non è per il protagonista del romanzo, il commissario di polizia Alvise Terranova, che a Carloforte ci è nato e vissuto finché il lavoro non lo ha portato “in continente”, fuori dalla Sardegna.

Ora, è tornato a casa. È tutto uguale, è tutto diverso.

A Carloforte non succede mai niente

È novembre. Il cielo e il mare dopo il temporale sembrano un dipinto di pennellate blu, con molte sfumature. 

Alvise Terranova è impaziente di rimettere la barca che era stata di suo padre, in navigazione. 

Tanto, a Carloforte, non succede mai niente.

Invece, padre Moresco, il parroco della Chiesa della Madonna dello schiavo, viene trovato morto nella canonica.

Il medico legale, detto “il Topo”, perché qui hanno tutti un soprannome, liquida il tutto con “morte naturale” in seguito a una caduta dalle scale. 

Il Questore chiude il caso.

A Carloforte, non succede mai niente.

Ma attorno alla figura alla figura del prete, gravitano tante vicende e troppe persone. Tutte hanno una storia.

Il commissario Alvise Terranova continua la sua indagine in privato.

C’è qualcosa che non lo convince, qualcosa fuori posto.

Omicidio a Carloforte

I personaggi di Omicidio a Carloforte

Il prete è un personaggio ambiguo, tanto che lo stesso commissario a un certo punto del romanzo si chiede: “Padre Moresco, chi eri veramente?”

Era un uomo rigido, in grado di mandare via dalla Casa del Signore una donna con le spalle scoperte; un prete che non voleva unire il sacro e il profano nemmeno per una ricorrenza come i festeggiamenti per la Madonna dello schiavo.

Però in privato si concedeva vizi che stonavano con il resto.

Era sempre disponibile e pronto ad accogliere e aiutare tutti.

Però aveva fatto scelte discutibili che scatenavano conseguenze inattese.

Chi era Padre Moresco? 

È caduto? O lo hanno ucciso?

Alvise Terranova, da buon filibustiere, è un uomo arguto, sarcastico, con la battuta sempre in tasca. 

I dialoghi sono davvero divertenti. Il collega Rivano è un ottima spalla.

Altresì è riservato, attento alle emozioni. Scrive poesie, tra le mura di casa si rilassa ascoltando i dischi di Tom Waits.

Amante del buon vino e del buon cibo, sostiene sia impensabile cominciare la giornata senza aver fatto colazione.

Si immerge nel suo lavoro per arrivare alla verità ma è in grado di percepire la bellezza del mondo nelle piccole cose. E di fermarsi a guardarle.

Le donne del romanzo

Ci sono, in Omicidio a Carloforte, diversi personaggi femminili che solo all’apparenza sembrano marginali ma che in realtà hanno peso e sostanza in tutta la storia. C’è Maddalena Tiragallo, che sostiene di continuo: “Se qui ti danno un’etichetta ti rimarrà incollata addosso per sempre”, ma è la prima che ci si appiglia.

C’è Elisabetta Magari, che lavora al bar di famiglia, il Bar Cipollina. Il brutto anatroccolo che diventa un bellissimo cigno bianco. Arguta e simpatica, forse l’unica in grado di tenere testa e conciliarsi con il carattere del commissario Alvise. 

C’è Ines, la perpetua, che ha perso tutto e trova pace solo negli ambienti della Chiesa. Maria Luisa, giovane, impaurita dalla vita ma in gamba, in grado di prendere decisioni migliori di chi l’ha preceduta.

E poi c’è un altro personaggio. 

Fondale di tutta la storia. Cielo e terra. Caruggi e stelle. Case e persone. Mare.

È l’isola nell’isola, il paese teatro di Omicidio a Carloforte

Il libro

Antonio Boggio
Omicidio a Carloforte
Piemme, 2022

Erika Carta

Erika Carta

Nata a Iglesias, in Sardegna, e diplomata al liceo con maturità scientifico-tecnologica, sono socia dell’Associazione Culturale Argonautilus per la quale, tra le numerose attività, scrivo nel blog del sito web. Co-fondatrice dell’ArgoCircolo Letterario a Iglesias, circolo che nel corso degli ani ha espanso la sua attività nel Sulcis Iglesiente e i gruppi di lettura sono diventati cinque: Iglesias, Gonnesa, Portoscuso, Musei e Villamassargia. 
Ho frequentato un corso di Editing e Editoria, e seminari di scrittura, ultimo alla Scuola Baskerville. Ho scritto per il blog UpsideDown Magazine e partecipato a diversi concorsi letterari con pubblicazioni in raccolte. Nel dicembre 2017 ho vinto il primo premio nel concorso letterario “Donna al traguardo dell’anno ” dell’Associazione Onlus Donne al traguardo. Gestisco la pagina Instagram il_giocodellangolo: artigianato handmade di segnalibri ad angolo e bookshopper in stoffa, legata sempre al mondo dei libri. Nel 2021 ho conseguito la qualifica di Social Media Manager, con particolare attitudine al copywriting. Devo alla scuola elementare la mia passione per la lettura e la scrittura che si è protratta nel tempo. Soprattutto, grazie a Maestra Silvana Fontana, che mi ha insegnato a “esprimere i vissuti” e non solo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Antonio Boggio

Intervista ad Antonio Boggio, autore di Omicidio a Carloforte

Leggi l'intervista ad Antonio Boggio che ha esordito con Piemme con il giallo Omicidio a Carloforte e scopri di più su di lui e il suo libro.