Buon Natale

Come dire Buon Natale nelle varie lingue dell’Europa

Gli auguri di Natale sono sempre un momento particolare. Nel clima della festa, l’importanza del bigliettino con il messaggio che accompagna il regalo (ma anche un semplice messaggio inviato via social) è da considerare. Puoi scrivere un semplice e sempre bello Buon Natale oppure affidarti a pensieri più profondi.

Le cose si complicano se vuoi mandare gli auguri di buon Natale a qualcuno che non vive in Italia o non parla la nostra lingua. A meno che tu non conosca la lingua parlata dalla persona a cui mandi i tuoi simpatici auguroni di buon Natale potresti trovarti in una situazione un po’ complicata.

Come fare, allora? Dobbiamo dire grazie al celebre mapmaker Jakub Marian che ha realizzato una splendida mappa linguistica del Natale.

La mappa linguistica europea per dire Buon Natale

Buon Natale

Come è logico, la maggior parte delle frasi augurali si raggruppano per similitudine intorno alle grandi famiglie linguistiche europee.

Le lingue neolatine

In Italia diciamo Buon Natale e questo lo sappiamo. Poi passiamo dallo spagnolo Feliz Navidad al portoghese Feliz Natal fino al corso Bon Natale è pace è salute. Passiamo, quindi, per il catalano Bon Nadal e al francese Joyeux Noël (una delle varianti più particolari) e al gallego Bo Nadal. E non dimentichiamo certo il sardo che dice Bona Pasca de Nadale.

Non solo Merry Christmas

Le cose si fanno interessanti nelle isole britanniche. Al Merry Christmas britannico (che diventa Happy Christmas in Irlanda) bisogna aggiungere le minoranze linguistiche gaeliche: Nadolig Llawen in Galles; Nollaig Chridheil se mandi auguri nelle Isole Ebridi scozzesi; e Nollaig Shona se intendi fare gli auguri in Irlanda.

Più a est, nei paesi nordici, la litania augurale è semplice: God jul in Norvegia e Svezia, Glædelig jul in Danimarca.

Gli auguri di Buon Natale nell’est Europa

Tedeschi e austriaci da un lato e cechi e slovacchi dall’altro, condividono gli auguri (rispettivamente Frohe Weihnachten e Veselé Vánoce) e sono anche simili le formule augurali estoni e finniche (Häid jõule e Hyvää joulua, entrambe lingue uraliche, non indoeuropee, imparentate tra loro). La Romania si allontana dal registro neo latino (Crăciun fericit) e l’Ungheria ha il suo proprio ritmo (Boldog karácsonyt).

Le formule augurali natalizie nel mondo slavo

Per quel che riguarda le lingue slava c’è molta più varietà rispetto alle lingue latine. In Polonia, per esempio, si dice Wesołych Świąt o anche Bożego Narodzenia. In serbo abbiamo Srećan Božić ma anche Hristos se rodi, mentre in croato e bosniaco (virtualmente la stessa lingua, nonostante le differenze che si vanno sempre più accentuando) Sretan Božić.

Differiscono tra loro anche il bielorusso, l’ucraino e il russo: з Божым Нараджэннем, Христовим e с Рождеством.

Tre particolarità

Concludiamo con tre particolarità linguistiche: il lituano Linksmų Kalėdų, il lettone Priecīgus Ziemassvētkus e l’albanese Gëzuar Krishtlindjet.

Buon Natale nelle principali lingue dell’Europa

Ecco l’elenco completo degli auguri di buon Natale ricavato dalla mappa.

  • Albanese: Gëzuar Krishtlindjet
  • Basco: Eguberri on
  • Bielorusso: з Калядамі oppure з Божым Нараджэннем
  • Bretone: Nedeleg laouen
  • Bulgaro: Весела Коледа oppure Честито Рождество Христово
  • Catalano: Bon Nadal
  • Ceco: Veselé Vánoce
  • Croato: Sretan Božić
  • Danese God jul oppure Glædelig jul
  • Estone: Häid jõule
  • Finnico: Hyvää joulua
  • Francese: Joyeux Noël
  • Gaelico scozzese: Nollaig Chridheil
  • Galiziano: Bo Nadal
  • Gallese: Nadolig Llawen
  • Greco: Καλά Χριστούγεννα
  • Inglese: Merry Christmas oppure Happy Christmas
  • Irlandese: Nollaig Shona + Dhuit (singolare) oppure Daoibh (plurale)
  • Islandese: Gleðileg jól
  • Italiano: Buon Natale
  • Lettone: Priecīgus Ziemassvētkus
  • Lituano: Linksmų Kalėdų
  • Lussemburghese: Schéine Chrëschtdag
  • Macedone: Среќен Божиќ oppure Христос се роди
  • Maltese: il-Milied it-Tajjeb
  • Norvegese: God jul
  • Occitano: Bon Nadal
  • Olandese: Vrolijk Kerstfeest
  • Polacco: Wesołych Świąt (Bożego Narodzenia)
  • Portoghese: Feliz Natal
  • Romeno: Crăciun fericit
  • Russo: с Рождеством (Христовым)
  • Sami settentrionale: Buorit juovllat
  • Sardo: Bona Pasca de Nadale
  • Serbo: Srećan Božić oppure Hristos se rodi
  • Slovacco: Veselé Vianoce
  • Sloveno: Vesel božič
  • Spagnolo: Feliz Navidad
  • Svedese: God jul
  • Tedesco: Fröhliche Weihnachten oppure Frohe Weihnachten
  • Turco: Mutlu Noeller
  • Ucraino: з Різдвом (Христовим)
  • Ungherese: Boldog karácsonyt

In conclusione, l’importante è augurare Buon Natale con il cuore

Come abbiamo appena vista, la lista creata da Jakub Marian è molto lunga e, sebbene non siano rappresentate tutte le minoranze linguistiche europee (pensiamo, per esempio, al ladino, al retoromanzo, al ruteno giusto per citarne alcune) è tuttavia sufficientemente inclusive per fare gli auguri natalizi il 25 dicembre in tutta Europa. E, allora, buon Natale!

Foto | congerdesign via Pixabay

Roberto Russo

Roberto Russo

Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

libri classici

I libri classici odiati da grandi scrittori

Non tutti amano i libri classici: scopri le grandi scrittrici e i grandi scrittori che per un motivo o per un altro odiavano alcuni classici.

libri scritti per scommessa

Grandi libri scritti per scommessa

Leggi i grandi libri scritti per scommessa e scopri come a volte i capolavori della letteratura non nascono per ispirazione ma per una sfida.