Frasi di Anna Frank
Frasi di Anna Frank

Frasi di Anna Frank per il Giorno della memoria

Anna Frank (1929-1945) è uno dei simboli dello sterminio nazista degli ebrei. Diversi sono i libri che ricostruiscono la sua storia: alcuni sono dedicati anche ai lettori più piccoli perché possano comprendere cosa è accaduto.

La sua testimonianza è un monito per ognuno di noi perché non succeda più quanto accaduto. Il diario di Anna Frank non è da leggere solo per la Giornata della memoria, in ogni caso. Il 27 gennaio, infatti, è un giorno simbolico e si rischia che diventi una sterile celebrazione se gli effetti non si vedono nella quotidianità.

6 frasi di Anna Frank per il 27 gennaio

Dal suo celebre diario riportiamo alcune frasi di Anna Frank (la traduzione è di Arrigo Vita).

  • C’è negli uomini un impulso alla distruzione, alla strage, all’assassinio, alla furia, e fino a quando tutta l’umanità, senza eccezioni, non avrà subíto una grande metamorfosi, la guerra imperverserà: tutto ciò che è stato ricostruito o coltivato sarà distrutto e rovinato di nuovo; e si dovrà ricominciare da capo.
  • È un gran miracolo che io non abbia rinunciato a tutte le mie speranze perché esse sembrano assurde e inattuabili. Le conservo ancora, nonostante tutto, perché continuo a credere nell’intima bontà dell’uomo.
  • Ecco la difficoltà di questi tempi: gli ideali, i sogni, le splendide speranze non sono ancora sorti in noi che già sono colpiti e completamente distrutti dalla crudele realtà.
  • Io continuo a star zitta e a rimanere fredda e anche in seguito non retrocederò davanti alla verità, che è tanto più difficile da udire quanto più a lungo è stata taciuta.
  • Quanto sarebbero buoni gli uomini, se ogni sera prima di addormentarsi rievocassero gli avvenimenti della giornata e riflettessero a ciò che v’è stato di buono e di cattivo nella loro condotta! Involontariamente cercheresti allora ogni giorno di correggerti, ed è probabile che dopo qualche tempo avresti ottenuto un risultato.
  • Vedo il mondo mutarsi lentamente in un deserto, odo sempre più forte l’avvicinarsi del rombo che ucciderà noi pure, partecipo al dolore di milioni di uomini, eppure, quando guardo il cielo, penso che tutto si volgerà nuovamente al bene, che anche questa spietata durezza cesserà, che ritorneranno l’ordine, la pace e la serenità.

Foto | WikiCommons

Disclaimer: su alcuni dei titoli linkati in questo articolo, Libri e parole ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi per l’utente finale. Potete cercare gli stessi articoli in libreria, su Google e acquistarli sul vostro store preferito.

Roberto Russo

Roberto Russo

Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Caffè

10 opere letterarie che ogni amante del caffè dovrebbe leggere

Scopri i migliori romanzi in cui il caffè è in qualche modo protagonista e leggili magari mentre ti godi una tazzina di questa bevanda.

Giornata mondiale degli ufo

Giornata mondiale degli UFO: quali libri leggere?

Scopri quali libri leggere per la Giornata mondiale degli UFO e perché questa giornata si celebra proprio il 2 luglio di ogni anno.